lunedì 5 settembre 2022

Recensione "L'ultimo orso" di Hannah Gold



Titolo: L'ultimo orso
Autore: Hannah Gold
Editore: Salani
Genere: Libri per ragazzi
Data di uscita: 6 Settembre 2022


Non ci sono più orsi polari sull'Isola degli Orsi. O almeno è quello che dice ad April suo padre quando un progetto di ricerca li porta a vivere nell'Artico per sei mesi. Ma in una notte d'estate infinita, April ne incontra uno: è una creatura maestosa e fiera, ma anche ferita e, soprattutto, sola. Decisa a salvarlo, April si fa strada pian piano nel cuore di Orso, fino a stringere con lui un legame speciale e indissolubile, destinato a cambiare la vita di entrambi. Una storia di coraggio e libertà per riflettere sulla minaccia ambientale, raccontata attraverso gli occhi di una ragazzina forte e libera che ci ricorda il dovere – e il piacere – di lottare insieme.

IL MIO VOTO


April è una ragazzina che ha perso la madre a soli quattro anni e accanto a lei c'è rimasto solo il padre, il quale sembra aver perso un pezzo di se stessa da quando la moglie è morta. Certo si prende cura di April, ma non è presente nella sua vita perchè totalmente focalizzato sul lavoro. April ovviamente si sente sola, anche lei ha perso una madre e ne sente la mancanza, ma è come se fosse impossibile parlare con il padre. Lei del resto non è una ragazzina come tante altre, oltre a far fatica a fare amicizia preferisce più la compagnia degli animali rispetto a quella umana e un po' come la madre anche lei ha un dono particolare che sembra quasi riuscire a parlare con loro, anche se di fatto è impossibile comprendersi.
April quindi non fa una piega quando il padre decide di trasferirsi insieme a lei ovviamente per sei mesi nell'Artico, nella famosa Isola degli Orsi, un luogo che di fatto dovrebbe spaventare ma è un'isola senza più orsi ormai da tempo. April è felice di trasferirsi nell'isola perchè sarà praticamente sola con suo padre, quindi spera di poter passare più tempo insieme a lui. Questa cosa ovviamente non avviene, la ragazzina continua ad essere sola e addirittura una sera le pare di vedere un orso, qualcosa che sa essere impossibile.
Eppure è la verità: ben presto si trova di fronte un orso che è ferito e April non può fare altro che vedere la sua sofferenza, la sua magrezza e la sua solitudine e a piccoli passi decide di conquistarsi la sua fiducia per aiutarlo. Da qui non può che nascere una bellissima amicizia tra i due, il tempo che April avrebbe dovuto passare col padre lo passa con il suo nuovo amico orso, un'amicizia che avrà un forte impatto sia sull'animale che su April, sempre più determinata che mai ad aiutarlo proprio come vorrebbe che qualcuno facesse con lei e soprattutto con suo padre.
April è una ragazzina decisamente troppo matura per la sua età e questo perchè è cresciuta troppo in fretta: ha perso una madre e allo stesso tempo anche il padre perchè sebbene sia ancora vivo non è presente per lei e non le sta accanto, pensa sempre al lavoro.
April è quel tipo di ragazzina che se vede qualcuno in difficoltà non esita ad aiutarlo e lo fa con Orso, anche rischiando la sua vita visto che è un animale pericoloso, ma questa sua scelta la porterà ad una bellissima amicizia con quell'orso e a vivere un'estate davvero indimenticabile, insomma è impossibile non amarla.


Quando ho letto la trama di questo romanzo ho capito subito che sarebbe stata una lettura perfetta per me, tuttavia non avevo capito quanto nel profondo mi avrebbe colpito questa storia.
Hannah Gold ha creato una trama davvero unica e originale che allo stesso tempo affonda le radici in tematiche assai attuali. Il primo punto è assolutamente il problema del clima, il fatto che i ghiacci si stanno sciogliendo sempre più velocemente e questo infatti ha causato al povero orso di ritrovarsi completamente solo nell'Isola degli Orsi, senza possibilità di tornare a casa e il fatto che April sia la prima a non tirarsi indietro, anche facendo una piccola cosa, ci fa capire che se tutti noi facessimo una piccola cosa per aiutare il pianeta, questo non soffrirebbe così tanto mentre invece le nostre azioni menefreghiste lo stanno distruggendo sempre più.
Ovviamente non possiamo che parlare di amicizia, qualcosa di unico: una bambina e un orso polare che si ritrovano a comprendersi perfettamente perchè soli, perchè bisognosi di qualcuno con cui sentirsi al sicuro e per quanto sia difficile da credere, la loro amicizia non può che scaldare il cuore del lettore e appassionarlo come non mai. La Gold ci parla però anche di cosa significa affrontare il lutto e lo fa in due modi diversi ossia attraverso gli occhi di April e di suo padre. April infatti ha pochi ricordi della madre per cui vorrebbe che il padre si rifacesse una vita per lui stesso, per tornare a sorridere, ma anche per lei, per permetterle di tornare in una casa piena di amore e con una persona pronta ad aiutarla anche nelle cose più piccole. Suo padre è talmente annegato nel suo dolore che si è gettato a capofitto nel lavoro, dimenticandosi quasi di avere una figlia di cui prendersi cura per cui il loro legame è più distante che mai, forse solo la pazzia di diventare amica di un orso potrebbe salvarlo.
L'ultimo orso è una storia scritta in modo semplice, con tanto di qualche piccola illustrazione, ma è una di quelle letture che ti arrivano dritte al cuore e che diventano impossibili da dimenticare, ammetto che alla fine qualche lacrima mi è sfuggita, è una stori davvero originale e potente che vi consiglio assolutamente.

Nessun commento:

Posta un commento