mercoledì 23 gennaio 2019

W...W...W...Wednesday#173



Buongiorno bookspediani e buon mercoledì!
Dopo la giornata nevosa di ieri, oggi c'è un sole che sta già sciogliendo tutto e un po' mi dispiace.
Ma bando alle ciance, pronti per  il nostro aggiornamento settimanale delle letture?


1.What are you currently reading?

  Titolo del libro
In lettura questa settimana c'è A un passo da un mondo perfetto, che sto terminando e che mi sta piacendo veramente tanto. Parallelamente sto leggendo Venus Black, uno ya davvero particolare di cui vi parlerò presto.


2.What did you recently finish reading?

 La chimica degli opposti di [Abdel-Fattah, Randa]  La casa che mi porta via di [Anderson, Sophie]
   
Anche questa settimana ho letto libri di diverso genere, per alternare le letture, e da ieri trovate online le recensioni di La chimica degli opposti e La casa che mi porta via.
Oggi troverete quella di Annabelle, mentre domani quella di La colpevole, per cui restate sintonizzati!



3.What do you think you’ll read next?

 I primi secondi di un abbraccio di [Regan, Katy]

Per il fine settimana mi dedicherò a due letture che mi hanno colpito molto per le loro tematiche ossia Mi ricorderò di te e I primi secondi di un abbraccio, di cui sicuramente vi parlerò meglio settimana prossima!




Voi invece cosa avete letto?
Aspetto le vostre risposte nei commenti!



martedì 22 gennaio 2019

Anteprima "Winnie e la Grande Guerra" di Lindsay Mattick e Josh Greenhut

Nuovo romanzo per ragazzi da Mondadori

Winnie e la Grande Guerra


Titolo: Winnie e la Grande Guerra
Autore: Lindsay Mattick e Josh Greenhut
Editore: Mondadori
Genere: Libri per ragazzi
Data di uscita: 29 Febbraio 2019


Perché se non ascolti è impossibile sentire.
Se credi che qualcuno sia così diverso da te da non poter avere niente in comune con lui, non riuscirai mai a sentirlo, qualunque cosa lui dica. Tra i topi e gli orsi era così. Ed è così anche in guerra.




Anteprima "Non qui, non altrove" di Tommy Orange

Nuovo arrivo in casa Frassinelli



Titolo: Non qui, non altrove
Autore: Tommy Orange
Editore: Frassinelli
Genere: Fiction
Data di uscita: 12 Febbraio 2019



Ogni anno, a Oakland, in California, gli indiani d’America organizzano un raduno, una grande festa della nazione perduta e impossibile da dimenticare. Ogni anno, oltre le perline colorate, le penne fra i capelli e il folklore turistico delle riserve, migliaia di nativi del Nord America confluiscono lì da altre città, dove vivono senza sentirsi mai a casa. Si ritrovano per cercare l’uno nell’altro una patria, per riavere un luogo che, almeno per un giorno, sia di nuovo solo loro. E ognuno lo fa a modo suo. Il giovane Dene tiene viva la memoria dello zio raccogliendo testimonianze per un documentario. Edwin entra a far parte dell’organizzazione del powwow, come i nativi chiamano l’evento, per conciliare le sue origini miste. Jacquie cerca di riprendere le fila della sua vita disperata attraverso quella famiglia che non sa più di avere. E così, insieme agli altri formidabili personaggi che popolano il romanzo, con le loro storie maledette e potenti che si intrecciano l’una all’altra, quegli uomini e quelle donne si preparano a vivere una giornata speciale, che si rivelerà fatale per tutti.
Non qui, non altrove è il ritratto meraviglioso di un’America che quasi nessuno di noi conosce. È memoria, spiritualità e bellezza. È identità, violenza e riscatto. È la storia di una nazione e del suo popolo. 








Anteprima "Cardinal - La stagione delle mosche" di

Chi aspettava il ritorno di Cardinal?

150450

Titolo: Cardinal - La stagione delle mosche
Autore: Giles Blunt
Editore: Sperling & Kupfer
Genere: Thriller
Data di uscita: 26 Febbraio 2019



La primavera ha fatto solo una fugace comparsa, ma è bastato quel breve accenno di disgelo perché ad Algonquin Bay arrivassero le mosche nere. Una sola di quelle bestiacce basterebbe a far impazzire una persona, e loro arrivano a sciami, ben attrezzate per pungere e succhiare il sangue a qualunque essere vivente. Soltanto un pazzo, o un ubriaco perso, uscirebbe senza protezione durante la stagione delle mosche ad Algonquin Bay. E invece, coperta di punture dalla testa ai piedi, piomba nella World Tavern una giovane donna, bellissima, con i capelli rossi fiammeggianti, e completamente priva di memoria. Soccorsa da Jerry Commanda, il poliziotto locale di origini indiane, la ragazza viene subito portata in ospedale. Dove presto i medici scoprono che i morsi delle mosche sono il minore dei suoi problemi. Qualcuno, infatti, le ha sparato alla testa, e il proiettile è rimasto nel cranio. Mentre i chirurghi tentano di salvarle la vita, John Cardinal e Lise Delorme indagano sulla sua identità. E ben presto si imbattono in un secondo raccapricciante delitto.
Se c’è un legame tra i due crimini, John Cardinal è l’unico che può trovarlo. L’unico che può interrompere la catena.





#Review Party:"La chimica degli opposti" di Randa Abdel-Fattah


Buon pomeriggio bookspediani.
Ora vi parlo di un'altra uscita di oggi, ossia La chimica degli opposti di Randa Abdel-Fattah!

La chimica degli opposti di [Abdel-Fattah, Randa]

Titolo: La chimica degli opposti
Autore: Randa Abdel-Fattah
Editore: Mondadori
Genere: Young Adult
Data di uscita: 22 Gennaio 2019



Il primo incontro con Mina è un fulmine a ciel sereno per Michael. Avviene per caso, durante una manifestazione organizzata dal nuovo partito politico fondato dal padre di lui che, con la scusa di difenderne i valori originari, si oppone all'accoglienza dei rifugiati arrivati via mare nel Paese. Il problema è che Mina sta dall'altra parte della barricata. Anni prima, infatti, ancora bambina, è scappata dall'Afghanistan insieme alla mamma e, dopo un viaggio lungo ed estenuante, è sbarcata in Australia, dove, come rifugiata, ha posto le basi per una nuova vita. Non è stato per niente facile, perché, come dice sua madre, "stare in un nuovo Paese è come camminare con una protesi. Ci vuole il doppio del tempo perché la mente e il corpo si adattino", però Mina sembra avercela fatta. Si è lasciata alle spalle la sofferenza e il dolore passati, è diventata una ragazza coraggiosa e fiera, e una studentessa talmente brillante da riuscire a vincere una borsa di studio per frequentare una scuola privata prestigiosa, la stessa di Michael. Ed è proprio qui che le loro vite si incontrano, o meglio si scontrano, nuovamente. Fin da subito infatti è chiaro a entrambi che appartengono a due mondi diversi, lontani da ogni punto di vista, eppure l'attrazione che li spinge l'uno verso l'altra è troppo grande, troppo potente per ignorarla. E quando la situazione intorno a loro si surriscalda, è altrettanto chiaro che non è più possibile accettare un mondo in cui tutto è bianco o nero. Sarebbe più facile, ma significherebbe rinunciare al sentimento che li unisce. E nessuno dei due è pronto a farlo. Forse, alla fine, ci sono casi in cui bisogna scendere in trincea e combattere contro tutto e tutti. Casi in cui vale la pena di rischiare per proteggere ciò che più amiamo.


IL MIO VOTO




product photoMichael è un ragazzo australiano con la testa sulle spalle e ben conscio di quello che sta succedendo nel suo paese: in Australia infatti stanno arrivando sempre più rifugiati, persone che fuggono dal proprio paese non per scelta ma per evitare una guerra e per poter rifarsi una vita in un altro paese. I genitori del ragazzo sono ferrei sostenitori del fatto che l'Australia abbia il diritto di difendere le proprio coste dall'invasione di immigranti, i quali non appartengono al loro paese, tanto è che hanno creato un partito chiamato Aussie Value, dove si ritrovano con persone della loro stessa ideologia. Michael non è un ragazzo razzista, tuttavia crescendo con queste continue parole dei genitori non può fare a meno di pensarla come loro e di far sentire la sua voce nelle frontiere,  cercando di impedire l'ingresso dei migranti. Quando il suo sguardo incontra quello di Mina, una ragazza che si trova al di là della frontiera, Michael nota subito in lei qualcosa di speciale che riesce ad approfondire solo quando scopre che frequentano la stessa scuola. Eppure ogni volta che si incontrano finiscono per litigare sulle loro diverse idee. O è solo l'inizio di qualcos'altro?


Afghan Girl (Steve McCurry) --- Amazing EyesMina è una ragazza di origine afgana che insieme alla madre è riuscita ad andarsene dal suo paese per arrivare in Australia dopo un viaggio davvero lungo e faticoso.
Non è stato facile scegliere di andarsene, soprattutto perchè il padre di Mina è morto poco prima che potessero fuggire, ma non è nemmeno semplice adattarsi ad un nuovo paese con regole e usi diversi, dove il colore della pelle sembra urlare a gran voce straniero e quindi le causa continui sguardi curiosi o arrabbiati. Mina però ha lottato per costruirsi una vita e lo stesso sua madre, una donna giovane che ha avuto la figlia quando era ancora un'adolescente ma che ha cresciuto con sani principi. E' anche grazie alla sua educazione che Mina è riuscita a vincere una borsa di studio per un'importante scuola privata, che costringe lei e sua madre a trasferirsi in un'altra zona ancora una volta. Tra i corridoi di questa scuola Mina riconosce un ragazzo, Michael, che reputa una persona da cui girare alla larga, anche se finisce sempre per parlarci e litigarci. Ma è solo indifferenza quella che prova?


Equality.Ormai sapete che sono solita tenermi aggiornata sulle prossime uscite e quando ho notato il romanzo di Randa Abdel-Fattah, la sua trama ha attirato subito l'attenzione, tanto da spingermi a volerlo leggere il più presto possibile.
E il mio intuito non sbagliava. Nonostante a prima vista possa sembrare un classico romanzo in cui il tema principale è l'amore tra due ragazzi, in questo caso l'autrice si serve di una possibile storia tra i due per parlare di qualcosa di molto più importante e attuale: i migranti e ovviamente coloro che non possono assolutamente vederli.
Alla seconda categoria appartengono i genitori di Michael, uno dei protagonisti principali, che lottano continuamente per chiudere le barriere e non aver più stranieri nel loro paese.E' scontato che Michael, crescendo con loro, sia influenzato da queste loro idee, anche se quando inizierà a conoscere Mina capirà che non esiste un giusto schieramento e che a volte il mondo è giusto vederlo anche in grigio, non solo nero o bianco. Per quanto riguarda Mina invece viene spontaneo pensare che per lei sia una passeggiata arrivare in un nuovo paese, quando invece nessuno sa cosa ha passato e cosa significhi davvero ricominciare da zero in un posto che ti osserva sempre.


sodabella
Attraverso i punti di vista di Michael e Mina assistiamo all'inizio di quello che sarà un cambiamento radicale per entrambi: le strade dei ragazzi infatti non fanno che incrociarsi ma nessuno dei due va mai oltre le apparenze.
Per Mina, Michael è un ragazzo che ha idee completamente opposte dalle sue e che nella vita ha avuto tutto facile, è un attacabrighe che non perde tempo a difendere a priori i suoi amici senza effettivamente conoscere la vera versione.
Per Michael invece Mina è una ragazza che lo manda in confusione perchè da una parte sa che lei non appartiene al suo paese, a causa di quello che dice suo padre, e non fa che entrare in contrasto con lei, mentre dall'altra più la conosce e più si sente attratto da lei.
E' proprio questo il fulcro della questione, il cambiamento che tutti dovremmo fare: sforzarci di conoscere davvero le persone prima di giudicarle dal colore della loro pelle.
E' imperativo capire che se una persona è costretta a lasciare il proprio paese per andare in un completamente sconosciuto, non lo fa perchè si annoia, ma perchè si sente in pericolo e può solo sperare di arrivare in un porto sicuro.
Questo ci insegna questa storia e a mio avviso è davvero raro trovare questo tipo di tematica, soprattutto in romanzi per giovani ragazzi.



coupleAmmetto che Randa Abdel-Fattah è riuscita davvero a sorprendermi perchè non mi aspettavo una lettura così intensa e con una tematica così in rilievo, che mi ha fatto nascere mille domande e riflettere su tantissime cose.
In questo caso specifico è l'amore a guidare Michael e Mina, un sentimento però che non viene mai forzato e non nasce a caso, ma si sviluppa nel tempo, grazie ai continui scontri dei due ragazzi, che tuttavia riescono ad aprirsi al dialogo perchè davvero interessati a conoscersi e a conoscere non solo la loro storia, ma quello che li ha caratterizzati e formati fino in questo momento. Grazie a Mina, Michael potrà finalmente capire che i suoi orizzonti meritano decisamente di essere allargati, comprendendo che non è così ben chiara la divisione tra giusto e sbagliato, invasori o semplicemente abitanti dello stesso paese. E viceversa anche Mina riuscirà a comprendere il pensiero di Michael, facendogli capire che può pensare con la sua testa e non dare per scontato che quello che pensano i suoi genitori sia una verità assoluta. La chimica degli opposti si presenta inizialmente come una storia semplice e pronta a farci staccare la spina dalla vita, ma in verità dietro la sua facciata si nasconde una preziosa lezione di vita che tutti dovrebbero apprendere: mai giudicare una persona prima di conoscere la sua storia.



Ecco dove trovate le altre recensioni:



si ringrazie la casa editrice 
per la copia omaggio 



#Review Party:"La casa che mi porta via" di Sophie Anderson

L'immagine può contenere: testo
Buon salve bookspediani.
Oggi esce in libreria "La casa che mi porta via" di Sophie Anderson e, insieme ad altre blogger, ve ne parlo subito sul perchè non potete farvi sfuggire questa piccola meraviglia!


La casa che mi porta via di [Anderson, Sophie]

Titolo: La casa che mi porta via
Autore: Sophie Anderson 
Editore: Rizzoli
Genere: Fantasy
Data di uscita: 22 Gennaio 2019




Marinka ha dodici anni e la cosa che vuole di più al mondo è trovare un amico. Un amico vero, in carne e ossa, umano. Ma non è facile farsi degli amici se si è nipoti di Baba Yaga e si vive con lei in una casa con zampe di gallina che si sposta in continuazione. La nonna di Marinka, infatti, è una Guardiana dei Cancelli che accompagna le persone nell'aldilà e anche lei è destinata a seguire le sue orme. Ma si deve per forza obbedire al destino che qualcun altro ci ha assegnato? Marinka non sopporta più la solitudine in cui è costretta a vivere e quando conosce una ragazza della sua età, forse l'amica che cercava, rompe tutte le regole. Non immagina certo le conseguenze! Una storia intensa tra Anna dai capelli rossi e La sposa cadavere, con una protagonista coraggiosa che, a forza di scavalcare gli "steccati" imposti dalle circostanze, riesce a costruirsi una vita tutta sua.

IL MIO VOTO



 Marinka è un bambina di dodici anni che vive in una casa molto particolare: questa infatti è animata e ha delle zampe di gallina che la fanno muovere in continuazione, senza farla stare mai in un luogo fisso e senza consentirle mai di trovare un amico. Marinka vorrebbe davvero trovare una persona con cui parlare e passare le giornate, mentre invece si deve accontentare solo di sua nonna: Baba Yaga.
I suoi genitori purtroppo sono morti, ma non c'è un'occasione in cui la nonna non le ricordi quanto si sono amati e quanto hanno amato lei, raccontando alla nipote continue storie su come si sono conosciuti e innamorati.
Ma sua nonna non è una persona ordinaria: è la Guardiana dei Cancelli, colei che accompagna le anime delle persone morte oltre i cancelli della sua stessa casa, un lavoro di cui Marinka è ben a conoscenza, considerando che lei stessa seguirà le sue orme e diventerà una Yaga.
Ma la bambina non vuole essere vincolata a questo destino, vorrebbe per un volta avere una nonna normale e passare del tempo insieme ad altri bambini della sua età, cosa assolutamente vietata poichè i vivi non devono essere a conoscenza dei loro segreti.


Lo Specchio-Cielo: La Baba-jaga: Perché la Capanna su Zampe di GallinaBaba Yaga continua imperterrita la sua missione, spingendo sempre di più Marinka nella direzione che crede essere la più giusta per lei, negandole continuamente di uscire dalla casa e dal cancello, non sapendo che così facendo spinge la nipote nella direzione opposta. Marinka infatti, stanca di non essere ascoltata e di essere costretta a fare quello che non desidera, esce da casa di nascosto, incontrando Benjamin, un ragazzo che come lei si sente solo anche se è circondato da tante persone. Basta poco per capire che i due sono spiriti affini e diventano ben presto amici.
Purtroppo però la casa decide che è ora di cambiare zona e così facendo Marinka perde l'unica persona che riusciva a capirla, arrabbiandosi tremendamente con la nonna, la quale le consiglia di trovare nuovi amici ogni sera, con gli spiriti che accompagnano.
Ma Marinka non vuole conoscere morti ogni giorno, vuole una persona che ci sia sempre, come un vero amico dovrebbe essere. 
Ecco quindi che quando trova lo spirito di una ragazza pronto per attraversare il cancello, decide di farla restare con sè, non sapendo che questa scelta scatenerà eventi per cui sarà impossibile tornare indietro.


baba yaga house                                                                                                                                                     MoreSophie Anderson si ispira alla famosa favola di Baba Yaga non solo per raccontare una storia che l'ha colpita particolarmente ed è stata una sua compagna di crescita, ma per presentare una nuova versione di questo personaggio, forse più umano e meno spaventoso.
In questa sua creazione infatti la donna è una nonna che tiene particolarmente alla nipote, che ha cresciuto lei stessa in mancanza dei genitori, e ora la sta preparando per farle prendere il suo posto come Guardiana dei Cancelli, un ruolo estremamente importante sia per Baba Yaga che per la casa in cui vivono, che attinge energia proprio da questo processo. Marinka però è solo una bambina che non vuole studiare la lingua dei morti, non vuole passare il suo tempo a cucinare per loro e ad aiutarli a passare oltre: vuole qualcuno accanto a sè, un amico, che sappia davvero chi è lei e che la ami per quello che è. Sa tuttavia che questo è davvero difficile per lei, eppure non si può arrendere e accettare passivamente il suo destino, nessuno dovrebbe.


Baba Jaga o Baba Yaga - Creatura della mitologia e folklore Russo e Slava -- Nei racconti russi, impersona una vecchia strega che si sposta volando su un mortaio, utilizzando il pestello come timone e che cancella i sentieri nei boschi con una scopa di betulla d'argento.  Vive in una capanna sopraelevata che poggia su due zampe di gallina, servita dai suoi servi invisibili. || Antro della MagiaNonostante quindi sia una storia di fantasia, basata su personaggi delle fiabe, l'interpretazione che le dà l'autrice è un messaggio bellissimo per tutti i lettori: spesso è la nostra famiglia a scegliere il nostro percorso, semplicemente perchè è destino che accada, ma è importante sapere che nessuno può costringerci a fare nulla e che a volte bisogna lottare per far sentire la propria voce.
La casa che mi porta via è un romanzo di crescita, dove una bambina non del tutto ordinaria impara chi è davvero, cosa potrebbe essere e le varie opzioni che ha per cambiare il suo destino. 
Il personaggio di Marinka quindi è tutt'altro che statico: durante la storia è costretta a venire a patti con elementi che ignorava e che potrebbero influire o meno sul suo futuro, e noi con lei ci evolviamo durante la lettura, comprendendo che dovremmo essere un po' tutte come Marinka, una ragazza che ha il coraggio di ribellarsi al suo destino, anche se questo sembra già deciso.
E' splendido anche come l'autrice affronta la tematica dell'amicizia, facendo incontrare una ragazza sola con un ragazzo circondato da persone che si sente comunque solo perchè nessuno ha voglia di comprenderlo davvero.


 Sophie Anderson al suo esordio letterario ci porta una storia decisamente magica che non fa che insegnarci preziose lezioni, come sono soliti fare i romanzi per ragazzi, che con estrema naturalezza e semplicità portano alla luce tematiche attuali e importanti come la voglia di non essere più solo e il coraggio di affrontare un destino già scritto.
E' per questo che, nonostante sia indirizzato principalmente ad un pubblico di soli ragazzi, io ne consiglio la lettura anche ai lettori più grandi, perchè con il suo essere diretto la Anderson arriva direttamente al cuore e lo colpisce forte.
A rendere il romanzo ancora più incantevole poi ci sono illustrazioni davvero meravigliose e magiche, che non fanno che avvolgerci completamente in una storia che non si dimentica facilmente, anzi resta ben scolpita.
Sophie Anderson si è dimostrata un'autrice davvero formidabile, che mi ha fatto sentire una bambina per come ha deciso di raccontare la sua storia, come se fosse una favola della buonanotte, ma allo stesso tempo una ragazza che, come Marinka, vuole combattere per decidere cosa fare nella vita, anche andando contro quello che è già stabilito. Ho sentito davvero vicino la bambina, come se cercasse nel lettore stesso un amico con cui parlare, per cui che aspettate a diventare anche voi suoi amici?



si ringrazie la casa editrice 
per la copia omaggio e 
per la grafica: Sandy Mercado









lunedì 21 gennaio 2019

Recensione "Dove finisce la notte" di Daniela Tully

Buona sera bookspediani.
Oggi è il romanzo di Daniela Tully a farvi compagnia prima di andare a dormire!



Titolo: Dove finisce la notte
Autore: Daniela Tully
Editore: Garzanti
Genere: Historical Fiction
Data di uscita: 17 Gennaio 2019




Sei sicuro di sapere tutto del tuo passato?
Non puoi più nasconderti.
Devi affrontarlo se vuoi far luce sulla verità.

Monaco, 1990. Il vento del Nord è arrivato, e con lui quella lettera. Una lettera inaspettata, datata 1944, e destinata a cambiare la vita di Martha Wiesberg per sempre. Martha è una sopravvissuta, ha conosciuto l’odio e la violenza, ma, per la prima volta, ha paura. Paura di quelle parole scritte, del segreto che custodiscono e che la riporta agli anni dell’ascesa di Hitler e del Terzo Reich. Scoprire la verità è pericoloso, ma Martha non ha scelta: deve partire per un luogo che solo lei conosce, anche a costo di abbandonare la nipote, la giovane Maya, che ha allevato e accudito sin dalla nascita.

Stati Uniti, 2016. Morbide colline si stendono a perdita d’occhio fino a incontrare una foresta densa e scura: è qui, nel folto degli alberi, che sorge un antico e lussuoso residence. È qui che Maya cerca di far luce sulla morte della nonna Martha. Era scomparsa nel nulla, molti anni prima. E adesso la scoperta del corpo. Anche se non è riuscita a perdonarla per averla lasciata all’improvviso, Martha sa di doverle molto: è lei ad averle insegnato tutto quello che sa attraverso le sue storie. Favole che narravano di tempi in cui amarsi era proibito, in cui una carezza poteva fare male, in cui la notte pareva senza fine. Ora Maya vede tutto con chiarezza: la nonna ha sempre voluto che lei arrivasse lì, disseminando tanti piccoli indizi nelle sue storie. E adesso ha intenzione di ritrovarli tutti per riportare a galla la verità. Perché c’è un’ultima storia che aspetta di essere svelata. Quella di un amore profondo e contrastato che la guerra ha reso impossibile, ma non ha distrutto. Di una promessa che attende di essere mantenuta. Di un odio che non bisogna dimenticare, perché è capace di uccidere ancora.


IL MIO VOTO





grandmother and granddaughterMartha è una ragazza che purtroppo è nata nel posto sbagliato e nel tempo sbagliato: si trova infatti a Monaco durante l'ascesa di Hitler al potere, un momento che ha visto cambiare per sempre la sua famiglia. Dopo la morte del padre Martha è rimasta sola con sua madre e suo fratello gemello, un fratello che ha sempre guardato con affetto e stima ma che ha iniziato a poco a poco a trasformarsi, diventando un sostenitore di Hitler e professando la sua stessa politica. Martha invece è una ragazza che non ha paura di dire quuello che pensa, elemento che la mette più volte in difficoltà, ma che ci tiene a restare fedele a se stessa e questo purtroppo fa alterare la madre e la fa allontanare sempre di più dal fratello, il quale è irriconoscibile da quando frequenta certe compagnie, in particolare un ragazzo di nome Siegfried, il quale spaventa Martha ma allo stesso tempo le manda messaggi contrastanti.
La vita della ragazza continua ad andare avanti, in mezzo agli orrori della guerra e del comportamento sempre più imperdonabile del fratello, fino ad arrivare al 1990, quando è ormai adulta, è una nonna e una donna che nasconde ancora tanti segreti e che a causa di una lettera arrivata all'improvviso sarà costretta ad affrontarli.


Here are some tips for grandparents dealing with the stress of raising grandkids. It will change your life, so take steps to make it work.Maya è una ragazza che ha sempre avuto accanto a sè il padre e la nonna, che l'ha cresciuta come se fosse sua figlia e l'ha sempre spinta a fare scelte che la facessero uscire dalla sua comfort zone, come andare all'estero per fare esperienza in un paese straniero e cavarsela da sola.
Questa decisione della nonna Maya non l'ha mai compresa, ma ha deciso di ascoltarla, non sapendo che non l'avrebbe mai più rivista. 
Poco dopo la sua partenza infatti nonna Martha è scomparsa nel nulla, senza lasciare alcuna traccia e ora, più di vent'anni dopo, finalmente Maya ha le risposte che cercava: il corpo di una donna viene infatti ritrovato in America, poco lontano il luogo in cui si trovava lei durante il suo periodo negli Stati Uniti e quando la ragazza scopre che la nonna è stata brutalmente uccisa, è decisa a ritornare in America per trovare le risposte che cerca da anni. 
Quello che troverà però saranno montagne di segreti che potrebbe essere davvero pericoloso riportare alla luce.


Non dimentichiamoci dei NONNI, sono la nostra Ricchezza PIÙ GRANDE!Questo mese è ricco di letture ambientate nel passato e dedicate a uno dei periodi storici più brutali del mondo e onestamente, nonostante ne abbia già lette un paio, non volevo farmi scappare il romanzo di Daniela Tully perchè mi ispirava in modo incredibile e il mio istinto ci aveva visto giusto. L'autrice non basa il suo romanzo attorno alla seconda guerra mondiale, ma comprende un periodo storico molto più ampio che ha per protagonisti tantissimi personaggi. La particolarità della storia sta nel fatto che la Tully decide di partire da una per poi interrompersi sul più bello, passando alla successiva e così via, creando tanti piccoli pezzi di puzzle che solo alla fine capiremo combaciare perfettamente e comporre il suo quadro.
E ovviamente l'autrice sa che, lasciando alcune situazioni in sospeso, non può che scatenare nel lettore una tremenda curiosità, che lo spinge a continuare la storia.
Ammetto che alcuni punti ho faticato a comprenderli, non tanto per la complessità dello stile, anzi la penna della Tully è fluida e diretta, non risparmia davvero nulla, nemmeno quanto può essere crudele una persona, ma principalmente perchè non riuscivo a comprendere il nesso con la storia e questo mi ha fatto distogliere l'attenzione di tanto in tanto.


This is a photo of a grandmother and a granddaughter, both at age 18. Sign up for to be a beta tester for www.genealogist.com and see what kind of connections you can find.  #genealogy #family  #ancestorsI protagonisti sono veramente tantissimi e ognuno di loro, per quanto possa esser piccola la sua parte, svolge un ruolo molto importante ai fini della trama.
Tuttavia le due grandi narratrici principali e i personaggi che catturano di più l'attenzione sono Maya e Martha, due donne vissute in tempi diversi e legate non solo dalla famiglia e dall'affetto che provano l'una per l'altra, ma da una storia nata proprio da Martha e che toccherà a Maya non solo scoprire dall'inizio, ma svelare a poco a poco per comprendere meglio la propria nonna, per capire cosa l'ha spinta a venire in America e soprattutto cosa ha causato la sua morte, che ha portato lei e suo padre a chiedersi per troppo tempo dove potesse essere finita.
Martha e Maya sono molto più simili di quello che si potrebbe pensare: certo quello che ha vissuto la prima non è minimamente paragonabile, non si può esprimere nemmeno a parole, ma in qualche modo ha dato vita ad una matassa piena di segreti, un elemento molto familiare a Maya, che inizierà a comprendere che prima di poter svelare il mistero dietro la morte della donna, dovrà prima accettare di svelare agli altri chi è davvero lei stessa.


LettereDove finisce la notte è un romanzo che mette in evidenza come è facile rinnegare chi si è per paura di essere davvero se stessi. E' una storia che mostra fino a che punto una persona è disposta a spingersi per avere quello che desidera, senza pensare alla felicità degli altri ed è un libro che ci fa capire quanto uno dei periodi più crudeli del mondo ha cambiato le persone, trascinandole nel caos.
Ma ci mostra anche l'altra faccia della medaglia: quanto è disposta a sopportare una persona per restare se stessa, incurante dei pericoli che corre.
E' una storia che sembra essere piena di coincidenze ma purtroppo i suoi protagonisti sono solo delle vittime delle circostanze, che si portano con sè un grandissimo bagaglio emotivo e in particolare troppi segreti, misteri destinati a cambiare per sempre le loro vite: alcune in peggio, tante altre in meglio.
Non è certo stata una lettura semplice da portare a termine a causa delle sue tematiche, e su questo devo dire che mi aspettavo un pochino di più: ho provato tantissime emozioni leggeno Dove finisce la notte, tuttavia credevo di uscire più distrutta, cosa invece che non è accaduta.
In conclusione, la Tully ha dato prova di essere un'autrice molto interessante, assolutamente da tenere d'occhio.









si ringrazie la casa editrice 
per la copia omaggio.