martedì 21 maggio 2019

Anteprima "Shadow and Bone" di Leigh Bardugo

Arriverà sicuramente nel 2020, ma intanto Mondadori ci fa sapere che tornerà in libreria in una nuova veste Shadow and Bone di Leigh Bardugo.Finalmente riuscirò a leggerla!

cover originale

Titolo: Shadow and Bone
Autore: Leigh Bardugo
Editore: Mondadori
Genere: Fantasy
Data di uscita: Nel  2020



Circondata da nemici, quella che un tempo era la potente nazione di Ravka è ora un regno diviso dai conflitti e letteralmente tagliato in due dalla Distesa, un deserto di impenetrabile oscurità, brulicante di mostri feroci e affamati. Alina Starkov è sempre stata una buona a nulla, un'orfana il cui unico conforto è l'amicizia dell'amico Malyen, detto Mal. Eppure, quando il loro reggimento viene attaccato dai mostri e lui resta ferito, in Alina si risveglia un potere enorme, l'unico in grado di sconfiggere il grande buio e riportare al paese pace e prosperità. Immediatamente viene arruolata dai Grisha, l'élite di maghi che, di fatto, manovra l'intera corte, capeggiata dall'affascinante mago Oscuro. Ma al sontuoso palazzo, dove gli intrighi e il lusso dei balli è tale da stordire e confondere, niente è ciò che sembra, e Alina si ritroverà presto ad affrontare sia le tenebre che minacciano il regno, sia quelle che insidiano il suo cuore.







Recensione "Che bravo cane! (una famiglia da salvare)" di Meg Rosoff

Buona sera bookspediani.
Vi voglio parlare di un libricino meraviglioso che ho letto nel giro di poche ore e che è riuscito anche a commuovermi.
Mi riferisco a Che bravo cane! (una famiglia da salvare) di Meg Rosoff edito da Rizzoli.



Titolo: Che bravo cane! (una famiglia da salvare)
Autore: Meg Rosoff 
Editore: Rizzoli
Genere: Libri per ragazzi
Data di uscita: 14 Maggio 2019


Cosa succede se la mamma smette di fare quello che ha sempre fatto per la sua famiglia? Chi si occupa della casa? Chi si prende la briga di svegliare gli altri, di preparare i pasti, di fare il bucato? A casa Peachey nessuno, né il papà né i tre ragazzi, Ava, Ollie e Betty. E le conseguenze? Disastrose. Ma se a salvarli fosse un cane? Un cane molto sveglio, dal nome scozzese e le zampette corte? Allora le conseguenze sono... imprevedibili! Un libro speciale che, con intelligenza e ironia, parla di educazione di genere e di quanto gli animali possano diventare a tutti gli effetti membri della famiglia.

IL MIO VOTO


In una famiglia ci sono ruoli ben definiti, che nascono senza bisogno di alcuna precisazione: l'uomo è colui che esce per il lavoro e che mantiene moglie e figli e quando torna a casa pretende che tutto sia in ordine, i pasti già pronti e i panni sporchi puliti e stirati, mentre la donna oltre a lavorare deve prendersi cura della casa, dei bambini e di tutte le altre faccende domestiche, senza ricevere alcuna gratitudine, anzi spesso solo lamentele. Che succede allora se la mamma smette di essere al servizio di tutta la famiglia e la lascia in balia di loro stessi? Questo accade alla famiglia Peachey, quando la mamma di Betty, Ava e Ollie, la quale è stanca di essere rimproverata perchè cerca di svegliare i figli e il marito alla giusta ora per permettergli di andare a scuola e al lavoro in tempo, è stanca di preparare pasti senza però avere nessuno che li mangi poichè quando richiama la famiglia nessuno scende per mangiare, così come è stanca di pulire casa e lavare i panni, e in un attimo è il caos più totale. Nè il marito nè tanto meno Ollie e Ava hanno intenzione di muovere un dito per cambiare le cose, solo Betty comprende che le azioni della madre fanno parte di un test per la famiglia, che nessuno sta passando e dopo una settimana intera con panni sporchi, con pasti surgelati o dal take away, è arrivato il momento di fare qualcosa e Betty suggerisce di prendere un cane, l'unico a questo punto che potrebbe riunire tutta la famiglia.


Sebbene Ava, Ollie e Betty siano entusiasti della cosa, il signor Peachey non ha nessuna intenzione di portare in casa sua un essere da accudire e da sfamare, specie nella situazione in cui si trovano ora, ma accontenti i figli portandoli al canile solo a dare una piccola occhiata. Betty, la più piccola di casa ma anche la più intelligente e la più dolce, sostiene il colloquio con Alice, la donna che si occupa delle adozioni dei cuccioli, e in lei vede una candidata perfetta per un'adozione e Betty poco dopo viene catturata da un piccolo cane che è un mix di tante razze di nome McTavish, il quale sembra scegliere a sua volta Betty e ormai è tardi per tornare indietro, McTavish verrà adottato dai Peachey, dopo che Alice avrà controllato l'idoneità della loro casa. Non appena McTavish arriva a casa Peachy si rende subito conto che qualcosa non va e ora è compito suo aiutare questa famiglia a tornare unita come un tempo, perchè gli animali non sono mai da sottovalutare e l'amore che possono donarci è immenso, e McTavish non è da meno: con i suoi metodi bizzari ma efficaci dimostrerà alla famiglia Peachey cosa è in grado di fare.


 Meg Rosoff scrive un romanzo di appena cento pagine ma denso di lezioni e soprattutto di emozioni: quello di cui parla è qualcosa che le donne, soprattutto le mamme, sono costrette ad affrontare tutti i giorni ossia continue lamentele su cosa non funziona, senza mai avere un ringraziamento per tutto quello che fa, perchè del resto nessuno si rende mai conto che il lavoro di madre non finisce mai e non ha giorni di riposo. Ma di questo se ne accorge la famiglia Peachey, quando infatti la signora Peachy decide di prendersi una pausa e lasciare i tre figli e il marito in balia di loro stessi, la musica cambia decisamente poichè i pasti non sono più fatti in casa, nessuno arriva in tempo a scuola o al lavoro e soprattutto nessuno ha più panni puliti da mettersi. Apparte Betty, la piccolina di casa e l'unica che capisce perchè la madre ha agito così, nessuno sembra pensare ad una soluzione e nessuno propone di dividersi i lavori in casa, non fanno che continuare le lamentele. E' quindi chiaro che in famiglia serve uno scossone e soprattutto tanto amore e questo sono un animale può darlo.


E' stato tremendamente interessante e divertente il fatto che l'autrice abbia deciso di affidare al cagnolino McTavish la narrazione, regala un'ottimo spunto per far capire a noi umani come gli animali possono vederci attraverso i loro occhi e soprattutto ci fa capire quanto sono intelligenti.
McTavish era in un canile ed è stato salvato da Betty, la quale gli ha offerto di nuovo una casa e tanto amore, elemento da non sottovalutare perchè essenziale quando si accoglie in casa un animale, e il cagnolino la ripaga con la stessa moneta, cercando in tutti i modi di riunire la sua nuova famiglia e di fargli sentire di nuovo l'amore di cui hanno bisogno. Con grande ironia e soprattutto dolcezza, Meg Rosoff ci fa capire fino a che punto un cane è disposto ad arrivare per far capire agli umani quello che devono fare, dettagli che fanno riflettere perchè ci fanno capire quanto amore anche gli stessi animali sono disposti a darci se gliene diamo l'occasione e lancia anche un bellissimo messaggio: prendersi cura di un animale non è semplice anzi è abbastanza impegnativo, per cui si deve essere ben consapevoli di quello a cui si va incontro, ma soprattutto bisogna essere disposti ad aprire il proprio cuore.


Che bravo cane! è un romanzo semplice e ironico, ma proprio per la sua semplicità e la sua delicatezza arriva dritto al cuore. E' inoltre arricchito dalle bellissime illustrazioni in bianco e nero di Grace Easton, che confenziona insieme alla trama una storia davvero indimenticabile, e non ho paura di dirvi che mi ha fatto davvero emozionare tantissimo. E' McTavish il narratore principale ed è quindi tramite i suoi occhi che vediamo la famiglia Peachey, ma tra tutti emerge in particolare Betty, la piccoletta della famiglia che nella sua tenera età ha già capito tantissime cose ed è lei quella che si fa carico di prendersi cura di McTavish, il quale vede in lei la sua padroncina e farebbe di tutto per aiutarla ad essere felice di nuovo, soprattutto unita con tutta la famiglia.
Meg Rosoff prende spunto dalla realtà ed è infatti molto facile rispecchiarsi in questa storia sia in maniera diretta che in maniera indiretta, ma soprattutto emerge il suo amore per gli animali e non manca di ricordarci quanto sono speciali e straordinari e quanto viene arricchita la propria vita con un animale nella propria famiglia. Che bravo cane! è un libricino perfetto per tutti e io vi consiglio di dargli una possibilità, perchè sono sicura che vi conquisterà!




si ringrazia la casa editrice 
per la copia omaggio




Anteprima "Mortina e la vacanza al lago mistero" di Barbara Cantini

A chi mancava Mortina?

Mortina e la vacanza al Lago Mistero

Titolo: Mortina e la vacanza al lago mistero
Autore: Barbara Cantini
Editore: Mondadori
Genere: Libri per ragazzi
Data di uscita: 4 Giugno 2019


Finalmente è tempo di vacanze! Mortina e la sua famiglia non ne facevano da... secoli! Destinazione: Villa Fronzola da zia Megera e il cugino Dilbert. Il relax però dura poco: Mortina scopre che un grigio burocrate vuole mettere all'asta la villa, che sembra disabitata. Riusciranno a trovare un modo per salvarla prima che sia troppo tardi?



Anteprima "Fredric Drum e il mistero del re di pietra" di Gert Nygårdshaug

Torna Gert Nygårdshaug  con un nuovo caso per Fredric Drum

Fredric Drum e il mistero del re di pietra di [Nygårdshaug, Gert]


TitoloFredric Drum e il mistero del re di pietra
AutoreGert Nygårdshaug 
Editore: SEM
Genere: Thriller
Data di uscita: 30 Maggio 2019


Fredric Drum, l’investigatore gourmet, vive a Oslo, dove, tra i molti suoi interessi, gestisce anche con successo un ristorante stellato. Il suo grande amico Hallgrim Hellgren, conservatore della Galleria nazionale, dopo una giornata di lavoro torna a casa, in una valle vicina alla città. Lì, al centro del suo piccolo salotto, trova la gigantesca statua in pietra di Assurbanipal, re degli Assiri, uno dei pezzi più preziosi del museo. Sconvolto, si rimette in macchina verso Oslo per dare la notizia, ma mentre guida viene colpito da un oggetto che sfonda il parabrezza e gli fracassa il cranio. 
Fredric Drum questa volta deve affrontare un mistero che sembra impossibile da risolvere: l’inspiegabile omicidio di Hellgren e la presenza di una statua pesante quattro tonnellate in un piccolo casolare di campagna. Negli stessi giorni attorno a lui iniziano ad accadere cose impensabili, e Fredric si ritrova invischiato in un dramma che sfida le leggi della natura umana. La capitale viene invasa da maghi accorsi da tutto il mondo per un congresso; un vescovo medievale riappare tra le rovine di un’antica chiesa; un collettivo punk si dedica a un misterioso culto ancestrale.




Anteprima "Bugie sepolte" di Kristina Ohlsson

Anche Salani non ci fa mancare thriller!


TitoloBugie Sepolte
Autore: Kristina Ohlsson
Editore: Salani
Genere: Thriller
Data di uscita: 6 Giugno 2019


A Martin Benner non manca nulla. È un avvocato in carriera, le donne fanno la fila per lui, la sua vita è una scalata verso il successo. Ma più in cima si sale, più vertiginosa è la caduta e Benner fa il primo passo nel precipizio quando Bobby T varca la soglia del suo ufficio. Quell'uomo dall'aspetto inquietante vuole ingaggiare Martin per scagionare sua sorella Sara: un'assassina che ha confessato cinque efferati omicidi.
Ma come si fa a riabilitare un serial killer? Soprattutto quando l'assassina in questione, Sara, si è uccisa buttandosi da un ponte? Benner ha un debole per le sfide e accetta di lavorare sul caso, che da Stoccolma lo porta fino all'arido Texas. L'indagine condurrà Martin in un gioco malvagio dove nessuno sembra volere – o potere – dire la verità, un gioco da cui non può più ritirarsi perché la posta è la sua stessa vita.




Anteprima "Nero a Milano" di Romano De Marco

Piemme ci vizia con un nuovo thriller



TitoloNero a Milano
AutoreRomano De Marco
Editore: Piemme
Genere: Thriller
Data di uscita: 18 Giugno 2019


Una villetta abbandonata da anni, alla periferia di Milano.
Due cadaveri carbonizzati, nessun indizio, nessun movente.


È questa la matassa che il commissario Luca Betti deve sbrogliare, in uno dei periodi più complicati della sua vita. La separazione dalla moglie e il difficile rapporto con la figlia fanno crollare quelle deboli certezze di poter contare su degli affetti stabili. Ma non c'è tempo per i dolori personali, risolvere l'indagine è l'unica priorità che può dare uno scopo alla sua vita e farlo sentire ancora vivo.
Marco Tanzi è diventato un investigatore privato di successo. Sembra essersi lasciato alle spalle le tremende esperienze vissute negli ultimi anni, ma la realtà è ben diversa. Per sfuggire ai suoi fantasmi personali, accetta un caso che rischia di farlo ripiombare negli incubi del suo passato più oscuro. Deve rintracciare un diciottenne con problemi mentali, figlio di una coppia dell'alta borghesia milanese, fuggito per andare a vivere fra i clochard. E quando uno spietato serial killer inizia a far strage di senzatetto a colpi di rasoio, la sua indagine si trasforma in una corsa contro il tempo.
Mentre sulla città incombe un cielo più nero che mai, le strade dei due amici ed ex colleghi torneranno fatalmente a incrociarsi. E si troveranno, ancora una volta, davanti a scelte dolorose destinate a segnare per sempre le loro vite.




Recensione "Nevermoor: Il destino di Morrigan Crow" di Jessica Townsend

Buona sera bookspediani.
Eccomi tornata sul blog per parlarvi di  "Nevermoor: Il destino di Morrigan Crow" di Jessica Townsend, una magica storia edita da Il Castoro.


Titolo: Nevermoor: Il destino di Morrigan Crow
Autore: Jessica Townsend
Editore: Il Castoro
Genere: Libri per ragazzi
Data di uscita: 28 Marzo 2019



Morrigan Crow è maledetta. Eventi funesti accadono tutto intorno a lei, e non può fare niente per impedirlo. La sua maledizione ha però una data di scadenza: la ragazzina morirà la notte del suo undicesimo compleanno. Ma proprio quella notte il misterioso Jupiter North arriva a salvarla e la porta con sé nella segreta città di Nevermoor. Qui Morrigan si trova catapultata in una realtà incredibile e ha la possibilità di unirsi alla Wundrous Society, un’organizzazione tanto prestigiosa quanto misteriosa. Per farlo deve superare delle difficilissime prove grazie al suo talento… peccato che lei non ne abbia alcuno! Entrare a far parte della Wundrous Society è l’unico modo per restare a Nevermoor. In una disperata lotta contro il tempo, tra nuovi alleati e potenti nemici, Morrigan dovrà tirare fuori tutto il suo coraggio e affrontare a testa alta il suo destino.

IL MIO VOTO


Morrigan Crow vive in un mondo molto diverso dal nostro, ossia la Repubblica di Wintersea, divisa a sua volta da quattro grandi stati e suo padre è il Cancelliere di Great Wolfcrate, il più grande di questi stati. E' un uomo politicamente attivo e per questo spesso molto impegnato, ma non è questo che tiene lontano l'uomo da sua figlia, è il fatto che Morrigan viene considerata da tutti una bambina maledetta. Fin dalla sua nascita infatti tutti sapevano che non sarebbe arrivata a compiere dodici anni, la sua vita sarebbe terminata all'arrivo del nuovo anno, il Vespro.
Come se non fosse abbastanza una maledizione sapere di non poter vivere la propria vita, di non poter mai crescere e realizzare qualcosa, Morrigan è anche una ragazza che attira la sfortuna e ogni volta attorno a lei accade qualche disastro, tanto che il suo stesso padre non vuole stare vicino. In famiglia del resto solo la nonna tifa per lei e la tratta come una bambina, non come qualcuno con una malattia infettiva, nemmeno la nuova moglie del padre Ivy, stravede per lei e mira a rifarsi una famiglia con il marito il più presto possibile, sperando di dimenticarsi di lei.
A Great Wolfcrate esiste il Giorno dell'Offerta, un evento in cui a bambini idonei, che hanno completato il primo ciclo di studi, viene fatta una proposta per il loro futuro e quest'anno tocca proprio al Signor Crow tenere un discorso, e vista la sua situazione politica decide di portare Morrigan con lui e farsi vedere come un padre amorevole e addolorato. Alla serata tuttavia accade qualcosa di incredibile: Morrigan riceve ben quattro lettere, tuttavia sa benissimo di non poterne accettare nessuna poichè è una bambina maledetta, con nessuno futuro davanti a lei.


E come se il destino volessi prendersi beffe di lei, il Vespro arriva prima del previsto, privando Morrigan dei suoi ultimi momenti, poichè a breve sarà nient'altro che cenere.
Tuttavia una delle proposte per Morrigan arriva al momento giusto, poichè un misterioso mecenate di nome Jupiter North è più che deciso a portarla a Nevermoor, un luogo in cui sarà salva dalla maledizione e potrà avere una vita.
E così fa: illudendo la sua famiglia, i quali pensano che sia davvero morta, e la conduce in questo Stato Libero, uno stato al di fuori della Repubblica, dove Morrigan per poter restare e provare di essere degna di quel mondo dovrà affrontare varie prove. Ben quattro sono queste prove e man mano che si va avanti, si viene sempre più messi alla prova, fino ad arrivare a quella finale, quella dove si dimostra il proprio talento. E cosa può fare Morrigan in questo mondo? Lei non ha nessun talento, anzi lei è una maledizione e questa la segue ovunque vada e nemmeno Nevermoor è immune al suo arrivo.
Eppure Jupiter, che in tanti anni non si è mai esposto per nessuno e non ha mai presentato nessuno come candidato per la Wundrous Society, crede fermamente in lei, seppure sia restio a rispondere alle sue domande. A Morrigan quindi non resta che avere fiducia in lui e mettersi alla prova, dimostrando il suo valore in mezzo a tanta sfortuna, tanti allievi pronti a fare carte false e a terrorizzare gli altri pur di guadagnarsi l'ingresso nella Wundrous Society, ma dalla sua parte avrà sempre Jupiter, il gatto Fen e tanti altri amici che le faranno comprendere il suo ruolo nel mondo.


Jessica Townsend con questo romanzo apre la trilogia dedicata alle avventure di Morrigan Crow, una ragazzina di undici anni che per tutta la vita ha sempre saputo di essere destinata a morire giovane e questo ha avuto un grande impatto sulla sua vita, in primis dal suo stesso padre, troppo impegnato a curare la sua immagine politica e troppo convinto che ogni sfortuna derivasse dalla figlia, solo perchè maledetta, per prendersi del tempo per parlare con lei e capire almeno un poco come potesse sentirsi. Morrigan è una protagonista che non ha ancora trovato il suo posto nel mondo e del resto non si sforza nemmeno di farlo, visto che non ha ne le forze ne il tempo per pensarci. Eppure una sera succede qualcosa di magico e spaventoso allo stesso tempo: la sua vita improvvisamente si accorcia di un anno, come se non fosse già orribile morire a undici anni, e arriva un uomo misterioso pronto a fare un'offerta per lei e a portarla in un mondo diverso dal suo, nel Nevermoor, uno Stato Libero che non deve sottostare alle leggi della Repubblica e che può essere l'unica salvezza di Morrigan per ingannare la morte e restare in vita. E così fa, arriva ne Nevermoor come clandestina aiutata da un ragazzo con bizzaro con i capelli più rossi e strani che abbia mai visto, la quale la prende sotto la sua ala e la conduce dove vive, all'Hotel Deucalione, dove incontretà Fen, una gatta gigante e scontrosa e dove per una volta si sentirà a casa.


Il punto di forza di questo romanzo, che a mio avviso bisogna gustare a poco a poco anche perchè non è davvero immediato comprender come funziona il Nevermoor, è in primis la sua protagonista, che non è la tipica ragazza che vuole essere l'eroina, lei non ha nessuna fiducia in se stessa e nelle sue capacità, anzi sa di essere una maledizione e quindi si crede un'antieroina. Attraverso le quasi quattrocento pagine della storia, che non si svolge nell'arco di qualche giorno ma nell'arco di poco più di un anno, è tangibile il cambiamento di Morrigan, in particolare grazie alla completa fiducia che Jupiter ha in lei, ma anche grazie a Fen che si dimostra molto più dolce di quello che appare, a Jack, il nipote di Jupiter e a tanti altri personaggi che sia in positivo che in negativo contribuiscono al cambiamento di Morrigan. In secondo luogo a conquistare il lettore è certamente il worldbuiling, che ho trovato molto interessante e ironico, poichè l'autrice ha creato dei mondi completamenti diversi dal nostro, con regole diverse e particolari, ovviamente con un fondo di magia, ma ha mantenuto alcuni elementi del nostro mondo, come i documenti che servono per entrare da una Repubblica ad uno Stato Libero. Inizialmente ci troviamo in uno dei quattro stati della Repubblica, dove appunto vive Morgan, ma subito dopo veniamo catapultati nel Nevermoor, un luogo davvero particolare con animali che possono parlare e con tantissimi ragazzi che grazie ai loro talenti cercano di entrare Wundrous Society, una scuola ambita e prestigiosa.


Il Nevermoor è infatti conosciuto per la Wundrous Society e per entrare in questa scuola prestigiosa occorre affrontare quattro prove, che servono per comprendere di che pasta è davvero fatta una persona, ma quella più importante è quella sul proprio talento. Ogni partecipante infatti deve presentarsi all'ultima prova con un talento, un qualcosa in cui eccelle e lo distingue e questo per Morrigan è un vero e proprio punto debole, perchè sa solo essere brava a combinare disastri. Per fortuna ha dalla sua parte Jupiter, un ragazzo che è una figura assolutamente positiva nella vita di Mog, anche se alcune scelte che ha fatto non mi hanno pienamente convinto, come tenere segrete molte cose a Morrigan, che avrebbero potuto prepararla a capire meglio la sua vita e la direzione da prendere. Ovviamente nemmeno Morrigan è completamente onesta con il suo mentore, tuttavia il loro è un rapporto che si sviluppa col tempo, un rapporto in cui per quanto ci siano segreti, Morrigan sa che potrà sempre contare su di lui e sulla sua protezione, perchè ormai è di famiglia e in famiglia ci si protegge ad ogni costo. Ma come in tutte le grandi avventure, non può mancare un cattivo, e in questo caso ne abbiamo uno molto interessante, di cui abbiamo solo un piccolo assaggio ma che sono sicura verrà approfondito nei romanzi successivi, perchè questo è solo il primo.


Per quanto magico e speciale, questo romanzo tratta anche tematiche attuali e che si rifanno al nostro mondo come il bullissimo in primis: Morrigan nel suo mondo viene trattata male da tutti per la sua condizione di bambina maledetta e chi non lo è non esita a prenderla in giro, ma a Nevermoor viene bullizzata in primis perchè è una straniera e poi perchè è sotto la protezione di Jupiter, un uomo ben famoso e ben rispettato nel Nevermoor, quando lei invece è solo una povera ragazza senza alcun tipo di talento.
E ovviamente il tema centrale del libro è trovare il proprio posto nel mondo, soprattutto quando si è convinti di non averlo affatto: Morrigan fin da piccola ha dovuto accettare di non avere un futuro e ora che lo ha, non sa chi è e soprattuto chi è destinata a diventare, sa solo che deve fare presto a scoprire il suo destino, prima che sia troppo tardi poichè l'unico modo per rimanere a Nevermoor è essere un membro della Wundrous Society e per esserlo bisogna affrontare tutte e quattro le prove. Ma ora Morrigan ha quello che non ha mai avuto per capire chi è: tempo.
Al suo esordio Jessica Townsend si è dimostrata un'autrice che sa il fatto suo, creando una storia magica straordinaria, piena di intrighi e misteri e narrandola in modo semplice e scorrevole, una storia ancora tutta da scoprire!



si ringrazia la casa editrice 
per la copia omaggio