venerdì 1 luglio 2022

Review "Restore Me" di Tahereh Mafi




Titolo: Restore Me

Autore: Tahereh Mafi
Editore: Fanucci
Genere: Distopico
Data di uscita: 1 Giugno 2022



Juliette Ferrars pensava di aver vinto. Ha rilevato il Settore 45, è stata nominata nuova comandante suprema e ora ha Warner al suo fianco. Ma è ancora la ragazza con la capacità di uccidere con un solo tocco e con il mondo intero nel palmo della mano. Quando giungerà il pericolo, riuscirà a capire chi è diventata, chi è oggi? Riuscirà a controllare il potere che esercita e usarlo a fin di bene?

IL MIO VOTO


Dopo il finale di Ignite Me, la serie della Mafi sembrava conclusa ma poi è arrivato l'annuncio di una nuova trilogia su Juliette e Warner e onestamente non potevo che fare i salti di gioia e c'è voluto davvero tanto per poter leggere questo titolo ma non posso che essere davvero felice di averlo fatto perchè ritrovare i miei personaggi preferiti è sempre qualcosa che ogni lettore vuole.
Restore Me è sicuramente il quarto libro della serie Shatter Me ma quello che la Mafi fa con questo romanzo è mettere le basi per una nuova trilogia e quindi la storia è sicuramente più introduttiva dei titoli precedenti, ma lo stile dell'autrice così come i colpi di scena e le situazioni in cui si trovano Juliette e Warner permettono di divorare davvero in poche ore questa storia. Del resto troviamo i nostri due protagonisti proprio dove li avevamo lasciati: il padre di Warner è stato ucciso da Juliette che ora è lei la nuova comandante suprema del settore 45 e la sua storia con Warner, sebbene complessa, sembra funzionare. Tuttavia Juliette quando ha accettato questo incarico aveva tanto cuore e tanta buona volontà, ma non sapeva il grosso lavoro da fare perchè ogni giorno riceve della posta, ogni giorno ha qualcosa di cui occuparsi e raramente parla del suo nuovo ruolo con Warner perchè vuole farcela da sola, ma Warner si è preparato tutta la vita a questo tipo di incarico per cui il suo aiuto sarebbe ben accetto visto che sa cosa è urgente e cosa no, cosa è importante fare e cosa invece si può tralasciare e soprattutto Warner non è ancora pronto a fare i conti con quello che è successo a suo padre perchè ovviamente anche lui lo voleva morto, anche lui ha sognato tante volte di ucciderlo eppure gli è sempre mancata la forza e la sua assenza lo costringe ad affrontare tanti problemi legati al suo passato, problemi che non comunica a Juliette perchè sa che ha tanto da fare e quindi sebbene i due stiano insieme, è come se fossero divisi perchè ognuno ha qualcosa di cui occuparsi e non trovano le forze di confrontarsi, determinati più che mai a cavarsela da soli come per dimostrare qualcosa.


Juliette è sicuramente il personaggio che più è cambiato: da quella ragazza insicura e spaventata ora è diventata un comandante supremo e questo significa che ha tante decisioni da prender così come tante persone da tenere in vita e questo le pesa molto, anche perchè il suo nuovo ruolo non è affatto semplice e non lo conosce, per quanto sia all'altezza perchè ha il cuore e la testa nel posto giusto, sono davvero tante le cose da sapere così come il fatto che lei sia la novità e che tutti gli altri comandanti siano curiosi di lei non aiuta affatto, è sempre messa alla prova e il voler fare da sola, senza l'aiuto di Warner, chiaramente non è la scelta migliore.
Warner è il personaggio che più viene messo in discussione: abbiamo imparato ad amarlo con Juliette ma è ancora molto chiuso con gli altri, ha tanto di cui occuparsi a livello emotivo e anche come carico di lavoro, tuttavia in questo nuovo capitolo non ne esce molto bene perchè sono tante le cose che sa e che non condivide e questo porta il lettore e ovviamente la stessa Juliette a non fidarsi totalmente di lui. Non ha il suo punto di vista ma mi sembra doveroso parlare anche di Kenji, un amico prezioso per Juliette che la ragazza quasi costringe ad essere un amico anche per Warner anche se tra i due non sembra esserci questa possibilità e proprio quando Juliette si arrende, Kenji si rivela la persona giusta per Warner per avere qualche consiglio, diciamo che con lui nei paraggi tutto diventa più allegro perchè sa come alleggerire la situazione con il suo carattere e la sua battuta sempre pronta.
Al di là di questo la Mafi già ci aveva presentato questo mondo distopico in particolare in Shatter Me per poi approfondirlo nei titoli successivi, mentre invece in Restore Me si sofferma molto sulla Restaurazione e sulle tante cose fatte dal padre di Warner così come sul ruolo do Juliette, che è molto più importante di quanto ci si possa aspettare, insomma è davvero a tutti gli effetti quasi una nuova serie con personaggi che è un piacere ritrovare, per quanto l'autrice si diverta a mettere decisamente nei guai.


In Restore Me non solo troviamo una nuova storia tutta da scoprire ma anche il punto di vista alternato tra Juliette e Warner e questo significa che finalmente abbiamo modo di conoscere da vicino i pensieri di Aaron e questo è davvero fantastico per un personaggio come lui, così chiuso, emblematico ed enigmatico perchè il lettore lo può comprendere ancora di più e sebbene sbagli nel prendere tante decisioni, è comunque impossibile non amarlo.
Ci sono davvero tantissimi colpi di scena in questo libro e penso che il finale sia davvero qualcosa di sconvolgente, per fortuna ci sono già a portata di mano i seguiti perchè altrimenti l'attesa sarebbe qualcosa di intollerabile. Devo dire che era passato molto tempo da Ignite Me ma ritornare dentro questa storia per me è stato facilissimo, soprattutto grazie anche allo stile della Mafi che è davvero molto semplice e scorrevole: il romanzo conta quasi trecentocinquanta pagine ma si legge davvero in poche ore, sempre più ipnotizzati da una storia che è impossibile non amare.
Juliette è sicuramente il personaggio che viene messo più a dura prova e infatti ci sono tante cose del suo passato che torneranno nel presente a tormentarla e proprio questo è la base di questa nuova trilogia perchè davvero il finale vi sconvolgerà al punto tale da iniziare subito Defy Me, cosa che io ho già fatto ovviamente e da cui mi aspetto di tutto. Posso dirvi quindi che per quanto Ignite Me avesse concluso la serie, per quanto Restore Me possa essere un pelo più lento degli ultimi due romanzi, io sono contenta di averlo perchè Juliette e Aaron mi erano proprio mancati e ora possono tenermi compagnia almeno per un altro poco!

giovedì 30 giugno 2022

Review "Iniziò tutto un giorno d’estate" di Julie Caplin

 


Titolo: 
Iniziò tutto un giorno d’estate
Autore: Julie Caplin
Editore: Newton Compton
Genere: Romance
Data di uscita: 7 Giugno 2022



Maddie Wilcox è alla ricerca di un impiego stagionale quando le viene offerta la possibilità di lavorare per due settimane come cameriera su uno yacht di lusso. Accetta subito con entusiasmo: cosa può esserci di meglio di un’estate trascorsa solcando le acque cristalline del mare Adriatico? Certo, dovrà farsi in quattro per non deludere le aspettative dei suoi datori di lavoro ultra snob, ma… ne varrà sicuramente la pena. Ed è certa che le notti stellate e qualche tuffo durante le pause lavorative la ricompenseranno di ogni fatica. C’è solo un problema: ha saputo che Nick, il fratello della sua migliore amica, sta per unirsi agli ospiti. Nick è presuntuoso e arrogante, e l’idea di essere intrappolata con lui in mezzo al mare, senza vie di fuga, le sembra davvero un incubo. Ma basterà stargli alla larga il più possibile… Due mesi però sono tanti, e una giornata trascorsa in una caletta nascosta, talmente bella da sembrare anni luce lontana dal mondo reale, potrebbe farle guardare per la prima volta Nick con occhi diversi… Si tratta solo di un’illusione o quel ragazzo è molto di più di quello che sembra?

IL MIO VOTO

Maddie è una ragaza che sogna di guadagnarsi da vivere con l'arte, la sua passione, ma al momento è molto difficile per lei farlo e dopo l'ennesima delusione è pronta a lavorare come cameriera in un yatch di lusso che la porterà sulle acque del mare Adriatico, più precisamente in Croazia, per cui come resistere a questa occasione? Nick è un ragazzo che lavora nella sua fattoria, ha quel lavoro nel sangue e sembra davvero un bravo ragazzo, tuttavia quando incontra Tara, una modella abituata ad ottenere tutto come vuole lei e che sicuramente pensa di essere molto superiore agli altri, improvvisamente non può che cambiare e adattarsi al suo mondo e quindi anche lui inizia ad essere incredibilmente arrogante e presuntuoso e ne ha le prove Maddie, che si ritrova a servirlo proprio sullo yatch in cui lavora: essendo il fratello della sua migliore amica pensava in qualche modo di trovare un alleato o almeno un amico, mentre invece i due iniziano subito a litigare e a lanciarsi battutine, insomma come inizio non ci siamo proprio e la vacanza si preannuncia quindi bella lunga e difficile così.
Ma Maddie e Nick hanno molte più cose in comune di quello che sembra e complice una giornata lontano da tutto e tutti, permetterà a Maddie di vedere Nick in modo completamente diverso, ma se la loro storia avrà un lieto fine lo lascio vedere a voi.
Personalmente ho adorato Maddie, una ragazza che non si arrende mai e che è disposta a tutto pur di inseguire il suo sogno, qualcuno che non si crede certo perfetto soprattutto dal punto di vista fisico ma che lo è e che ha solo bisogno di credere più in se stessa.
Nick lo si potrebbe odiare all'inzio ma non mi sento di condannarlo perchè è solo qualcuno che vuole essere accettato, quando però capisce che non ha bisogno di essere diverso ma semplicemente se stesso, allora diventa davvero un personaggio incredibile.


Julie Caplin è un'autrice che con questo romanzo mi ha decisamente conquistata, una lettura davvero perfetta per questa estate perchè romantica al punto giusto, ci parla di una crociera nel mar Mediterraneo e di tante altre tematiche, insomma come resistere? L'autrice ci presenta fin da subito i due personaggi principali uniti da una conoscenza in comune che tuttavia non sarà questa ad unirli, semmai a tenerli separati al principio. Nick è quel tipo di ragazzo che ama il lavoro che fa alla fattoria quindi un puo' che essere un bravo ragazzo e una persona umile, tuttavia quando è in compagnia di Tara, la sua ragazza che fa la modella, improvvisamente cambia perchè sente di dover essere diverso agli occhi della donna, come se la sua semplicità non fosse abbastanza e infatti stando attorno a Tara ha imparato ad essere leggermente arrogante e questo si verifica anche con la nostra protagonista, Maddie, che vorrebbe solo trovare la sua strada nel mondo della pittura ma che si vede costretta ad accettare un lavoro estivo su uno yatch pronta a servivere persone che si divertono a sfoggiare la loro ricchezza e perfezione e Nick, che ovviamente deve partecipare al gioco degli altri, non può che fare una brutta impressione su Maddie soprattutto perchè adora sua sorella e sperava potesse essere come lei. Per quanto si possa odiare per questi comportamenti, il lettore non ci mette tanto a tifare per Nick e soprattutto a sperare che capisca in fretta di smettere di essere qualcun altro solo per piacere alla sua ragazza. Insomma il rapporto tra Nick e Maddie inizia in modo un po' burrascoso ma è bellissimo vedere come questo si evolve e si sviluppa. Oltre alla parte romantica ci sono veramente tanti temi come il voler essere diversi per far colpo sugli altri, tanti pregiudizi sul mondo del lavoro e purtroppo tante battutine sul fisico in particolare di Maddie, che solo perchè non è una modella o una taglia quaranta questo non significa che non sia una bella ragazza e soprattutto una bella persona. Tutto iniziò un giorno d'estate è la lettura perfetta per questo periodo, una storia che mette di buon umore, a volte fa anche arrabbiare e altre sorridere, ma sa come lasciare il segno.

mercoledì 29 giugno 2022

Review "Selvaggia" di Rosalia Radosti

 





 Titolo: Selvaggia
Autore: Rosalia Radosti 
Editore: ReBelle
Genere: Graphic Novel
Data di uscita: 25 Maggio 2022



Nel lontano regno di Valdirosa nasce una bambina di nome Selvaggia. Figlia del re e della regina, la ragazza cresce come uno spirito libero, senza ipocrisia e senza seguire le convenzioni di corte: Selvaggia va a cavallo, tira con l’arco, corre nei boschi, si sporca e scompiglia e presto diventa una giovane donna dall’animo ribelle. È difficile per lei trovare un marito; i pretendenti scappano spaventati dal suo forte carattere. Fino a quando Selvaggia non si imbatterà in un misterioso e affascinante ragazzo che sembra averla finalmente conquistata, i due sembrano avere uno spirito affine e legati dalle passioni che hanno in comune. Ma poi? È tutto oro quel che luccica davanti agli occhi della giovane reale innamorata? Rosalia Radosti fa ingresso nel mondo delle graphic novel con una decostruzione della fiaba tradizionale, qui completamente rovesciata e con un finale cupo quanto inaspettato.


IL MIO VOTO


Selvaggia è la protagonista di questa storia, una principessa sicuramente atipica perchè sempre pronta a mettersi nei guai e a combinarne una, quel tipo di bambina che fin da piccola era curiosa e pronta a fare tutto quello che non era consono ad una principessa come tirare con l'arco, interessarsi agli animali e quanto altro, insomma una ragazza che tutti giudicavano per queste stranezze e quando è arrivato per lei il momento di sposarsi, la ragazza non stava nella pelle all'idea di trovare la persona giusta, cosa che è risultata molto difficile perchè nessuno sembrava essere alla sua altezza e questo le è valso altri pettegolezzi, insomma è sembrato come se fosse ancora più strana perchè non trovava la persona giusta quando in verità voleva solo una cosa: l'amore, quel tipo di amore che i suoi genitori hanno sempre condiviso.
Un giorno però Selvaggia trova uno spirito affine al suo e non passa molto tempo prima che i due convolino a nozze e la ragazza non potrebbe essere più felice, ma purtroppo la sua decisione non si rivela tra le migliori perchè si è sposata solo per affinità, senza davvero conoscere la persona che aveva accanto e ora si ritrova in una vita ben diversa da quella che immaginava e solo lei, ancora una volta, può cambiare le cose.
Selvaggia è una protagonista che al principio forse può stare antipatica, qualcuno dal carattere forte che sa il fatto suo e che vuole trovare la persona giusta con cui condividere la sua vita, ma a conti fatti alla fine è una protagonista che si vorrebbe solo consolare perchè voleva solo essere amata e invece ha distrutto tutto quello che conosceva fidandosi della persona sbagliata, una protagonista atipica e imperfetta ma che dimostra di essere reale.


Penso sia impossibile resistere a questa graphic novel in primis per la splendida copertina e in secondo luogo per la trama super accattivante, ma solo una volta letta la storia si scopre la meraviglia che si nasconde all'interno di queste poche pagine che si leggono veramente in poco, ma che lasciano qualcosa di indelebile.
In primis devo dirvi che le illustrazioni sono veramente bellissime, cariche di colore nei punti giusti così come più cupe nel momento più brutto della vita di Selvaggia, insomma mi sono davvero piaciute dalla prima all'ultima pagina. Ma penso che a contare, oltre alle illustrazioni, sia il tema contenuto dentro questo libricino. Infatti oserei definire questa lettura una fiaba moderna e unica perchè abbiamo una principessa diversa dalle solite che tuttavia vuole quello che vogliono le altre ossia l'amore e quando pensa di averlo trovato siamo tutti pronti a leggere del suo vivere felice e contenta, ma purtroppo non va così, purtroppo si lascia ingannare dalle apparenze ma soprattutto dall'amore per l'amore stesso e cade nella trappola di un ragazzo a cui non interessa il suo amore, ma solo il potere e questo lo trovo estremamente attuale e potente. Selvaggia tuttavia dovrà dimostrare la sua grandezza come Principessa per salvare il suo Regno e il costo di tutto non sarà certo cosa da poco e devo dire che per quanto mi aspettassi una trama diversa dalle solite, il finale mi ha veramente spiazzato e lasciato senza parole e ammetto che ancora ora fatico ad accettarlo e assimilarlo. 
Rosalia Radosti ha creato una storia che lascia davvero il segno, una lettura unica e sono certa che non potrà che piacere a tutti quelli che decideranno di leggerla per la sua trama e i disegni, qualcosa di davvero speciale che non posso che consigliare.

Review "Nove regole da ignorare per farlo innamorare" di Sarah MacLean




 Titolo: Nove regole da ignorare per farlo innamorare

Autore: Sarah MacLean
Editore: Leggereditore
Genere: Regency
Data di uscita: 1 Giugno 2022



Una signora non fuma il sigaro. Non cavalca come un uomo. Non tira di scherma e non accetta sfide a duello. Non usa una pistola. Non gioca d’azzardo in un club per gentiluomini. Non bacia appassionatamente…
Lady Calpurnia Hartwell ha sempre rispettato le regole, ma le è servito solo a rimanere sola e insoddisfatta. E allora ha giurato di ignorarle e vivere la vita trasgressiva che fino a quel momento si era negata. Ma per partecipare a ogni festa da ballo, rubare baci di mezzanotte e altri segreti piaceri, Callie ha bisogno di un compagno. Qualcuno che sia esperto nella trasgressione, qualcuno come Gabriel St. John, marchese di Ralston, affascinante oltre ogni dire, con una reputazione pessima e un disarmante sorriso da canaglia.
Se non sta attenta, Callie rischia di non rispettare la regola più importante di tutte: quella per cui chi cerca il piacere non deve mai, mai e poi mai, per niente al mondo… innamorarsi.


IL MIO VOTO


Calpurnia è la protagonista di questa storia, una ragazza che immagina di trovare l'amore durante la sua stagione, ma sfortunatamente il suo destino si svolge in modo diverso anche se già in cuor suo spera di non essere più al centro dell'attenzione in favore della sorella, che quando Callie fa il suo debutto in società ha solo otto anni. Dieci anni passano in fretta, ora infatti Mari è pronta a sposarsi e soprattutto ha trovato l'amore, mentre invece per Callie non è ancora arrivato quel momento tuttavia avendo ventotto anni e una reputazione impeccabile, non può fare a meno di pensare a come sia molto più semplice essere un uomo nel suo mondo, che può andare a bere nei pub, può cavalcare come vuole così come può tranquillamente viversi la sua vita senza troppe preoccupazioni ed è proprio quello che vorrebbe lei. Callie vorrebbe andare a bere nei pub, fumare sigari ma più di ogni altra cosa vorebbe essere baciata, capire cosa si prova davvero ma il suo piano senza un complice non può davvero funzionare...
Gabriel St John è un uomo che non segue le regole, non è ancora sposato ed è un combinaguai, ha una pessima reputazione eppure nessuno osa dirgli nulla. Gabriel ha un gemello ma per questione di minuti è lui il maggiore, per cui è lui ad essere il marchese di Ralston e quando improvvisamente si trova a dover prendersi cura di una sorella di cui non conosceva l'esistenza, la sua vita viene leggermente sconvolta perchè già Gabriel odia la madre e questo suo rancore lo spinge anche a non cercare l'amore, il peso di una sorella di cui prendersi cura non fa che accentuare questo sentimento. Inutile dire che le strade di Gabriel e Callie si uniranno: Callie cerca proprio da lui un bacio così come Gabriel vuole che sia Callie ad istruire la sorella per essere pronta per la società e insomma questo gli farà passare del tempo insieme ma sappiamo bene che la nostra protagonista, oltre che essere in cerca di ribellione ma più precisamente di libertà, vuole anche l'amore e il marchese saprà darglielo?
Callie è una protagonista impossibile da non amare, quel tipo di ragazza nata certamente nel secolo sbagliato che odia le regole imposte dalla società e quando crea la sua lista di cose da fare non è per un senso di ribellione quanto per la voglia di essere libera di fare come vuole, lei non ha molta fiducia in se stessa ma durante il romanzo non possiamo che vederla acquistarne a poco a poco.
Gabriel è quel personaggio misterioso ma anche sbagliato per la protagonista di cui ci si innamora subito e vederlo con Callie è una vera gioia perchè abbandona tutti i suoi muri e si lascia andare, anche se non troppo, insomma separati si amano come personaggi ma insieme sono davvero qualcosa di unico.


E' grazie a questo titolo che conosco Sarah MacLean come autrice e devo dire che la prima impressione è stata ottima perchè ha creato una storia che sicuramente farà felici tutti gli amanti del regency ma la sua trama non si ferma certo a questo, perchè parla davvero di tante altre cose. In primis ci fa capire che essere nella Londra dell'ottocento può essere incredibile per quanto riguarda i balli, i vestiti, il ton e la società che offre davvero tanto, ma allo stesso modo ci fa capire che essere una donna non è affatto semplice perchè ci si aspettano determinate cose da lei come trovare marito ad una certa età, avere una reputazione rispettabile, vestirsi in un certo modo e così via. Per questo il personaggio di Callie è così importante, perchè è quel tipo di ragazza che vuole andare oltre le regole, non vuole essere come tutte le altre e non solo perchè a ventotto anni non è ancora sposata, ma perchè vuole essere libera di vivere la sua vita come crede, vuole fare determinate esperienze e questo come donna non può farlo, anche se non sarà certo questo piccolo particolare a fermarla e l'ho amata per questo perchè ci fa capire che si può lottare e cambiare le regole per qualcosa a cui si crede fermamente. Ovviamente la storia tra Gabriel e Callie non può che essere importante, insieme sono fantastici ma sappiamo che Callie vuole l'amore e Gabrile deve affrontare il suo passato e i problemi con sua madre prima di poter essere libero di provare questo sentimento, ma allo stesso tempo spicca anche l'importanza della famiglia e lo vediamo con la sorella di Callie e anche suo fratello maggiore, che la aiuterà anche se non approverà sempre la sua lista folle, ma anche con il gemello di Gabriel, così come la sorella dei due diventerà una preziosa amica per Callie. Insomma Nove regole da ignorare per farlo innamorare è una lettura davvero bella, non è solo un regency ma contiene tanto altro e il fatto che l'autrice segua sia Callie che Gabrile nella narrazione l'ho trovato davvero perfetto, così come mi è piaciuto molto il suo stile molto semplice e diretto che mi ha fatto finire il romanzo in un attimo e devo dire con dispiacere, perchè mi sono proprio affezionata a questi personaggi e ora già mi mancano, ma per fortuna ho altri due romanzi di questa autrice che mi attendono

Recensione "Tutankhamon - La maledizione del faraone bambino" di Paolo Roversi

  


Titolo: Tutankhamon - La maledizione del faraone bambino
Autore: Paolo Roversi
Editore: Il battello a vapore
Genere: Libri per ragazzi
Data di uscita: 7 Giugno 2022



Poteva essere la classica gita alla mostra su Tutankhamon, e invece ci è scappato il morto. Ormai Ricky è convinto di essere una vera e propria calamita per i guai! O forse, come dice sua madre, è lui che non fa niente per evitarli. Stavolta però ha una strana sensazione, e non solo perché la polizia sembra aver identificato subito l'assassino... Possibile che il professore ucciso sia stato vittima dell'antica maledizione del Faraone Bambino? Ricky, con l'aiuto della brillante Marta, del fidato Mac, e grazie alle sue doti di giovane detective e promettente genio dell'informatica, proverà a scoprirlo. Che l'indagine abbia inizio!


IL MIO VOTO


Ricky torna ad essere il protagonista di questa nuova avventura che lo vede ancora una volta nei guai, sembra infatti che sia quasi lui ad attirarli. Insieme alla sua classe, Ricky e ovviamente la ragazza speciale di nome Marta, partecipa ad una gita che lo porta a vedere da vicino quello che resta di Tutankhamon ma come l'attenzione per questo faraone bambino è alle stelle, così i tutti vogliono sapere qualcosa di più della maledizione che ovviamente non fanno che aggiungere del mistero a questa storia, anche se si sa che sono solo leggende. Eppure qualcosa di molto strano accade in gita: improvvisamente la luce se ne va e nel buio una figura è libera di agire indisturbata e il risultato è che uno dei professori che accompagnavano i ragazzi in gita si ritrova senza vita, come però è successo resta tutto da vedere. Ovviamente Ricky è il primo che vuole arrivare alla verità e si confida a Mac, il compagno della madre e una sorta di fratello maggiore per lui che non ha mai voluto prendere il posto del padre ma che lo tratta davvero come un figlio e cerca di dargli i giusti insegnamenti, ma lo spinge anche a stare fuori da questa storia, cosa che ovviamente Ricky non fa.
Il ragazzo, in costante compagnia di Marta, è convinto di sapere chi sia il colpevole ma intanto la polizia ha arrestato un sospetto che sembrano determinati ad arrestare e quindi il nostro protagonista non potrà che immischiarsi ancora una volta per portare a galla la verità. Ricky è un ragazzino che mi è stato simpatico fin da subito, qualcuno che non ha una vita perfetta ma trova il meglio da tutto come la presenza di Mac, il rapporto con Marta e ovviamente ha un talento per cacciarsi nei guai, ma anche per arrivare alla verità.


Ho già avuto modo di leggere qualche romanzo di Paolo Roversi ma ero molto curiosa di conoscerlo su un titolo per ragazzi e devo dire che non pensavo ci fossero altri romanzi dedicati a Ricky ma in ogni libro c'è un caso diverso, per cui possono essere letti tranquillamente anche senza i due precendenti perchè l'autore ci fa comunque capire la storia di questo ragazzo ossia che il padre è sparito da tempo dalla sua vita e che ha un ottimo rapporto con Mac, il nuovo compagno della madre, con il quale si sente davvero di famiglia, qualcosa che non aveva mai provato prima e sa di poter sempre contare su di lui, anche nei momenti in cui combia dei guai,
Accanto a Ricky c'è Marta, una ragazza molto speciale per lui il cui rapporto si è intensificato e in questo romanzo infatti li troviamo più uniti che mai, anche pronti a fare progetti insieme nonostante la giovane età. La costante di Ricky è tuttavia la sua abilità nel mettersi nei guai ma soprattutto la sua propensione a risolvere casi e arrivare alla verità e in questa situazione particolare Ricky si ritrova immerso nella maledizione di Tuntakhamon, ma la gita non è solo un tuffo nel passato ma anche un tuffo nel mistero per via di un omicidio che si consuma proprio sotto gli occhi dei ragazzi e quindi la vogia di Ricky di arrivare alla verità è molto forte.
L'autore del resto ha unito la storia di Tuntakhamon e quindi ci racconta di come è stato trovato, della sua maledizione e tanto altro e l'ha unito all'attualità ossia ha sfruttato la possibilità che ci fosse davvero un nesso tra la leggenda e il possibile e questo mi ha fatto amare questa lettura, la verità Ricky ovviamente la capisce quasi subito e il lettore con lui ma è tutto il mistero che si respira in questa storia, l'ambientazione e il credere davvero alla leggenda che rende questa lettura così incantevole e immediata.
Paolo Roversi con Ricky ha fatto davvero centro, onestamente mi è proprio piaciuto come personaggio e non vedo già l'ora di ritrovarlo nella prossima avventura, ovviamente insieme a Marta.

martedì 28 giugno 2022

Review "Centoventisei" di Claudio Fava ed Ezio Abbate

 


Titolo: Centoventisei
Autore: Claudio Fava ed Ezio Abbate
Editore: Mondadori
Genere: Fiction
Data di uscita: 21 Giugno 2022



Un vecchio killer in disarmo, una sospettosissima moglie al nono mese di gravidanza, un balordo che vuole farsi mafioso. Accade tutto in una notte d'estate palermitana, con l'aria ferma e la città svuotata. Attorno al furto di una centoventisei si accende un crescendo di presentimenti, equivoci, rivelazioni, fughe. Sullo sfondo, l'ombra densa e a tratti grottesca di Cosa Nostra e dei suoi progetti di morte. Finché la notte si spegne in un'alba limpida e imprevedibile.

Claudio Fava ed Ezio Abbate scrivono un racconto di fulminante efficacia in cui, senza mai citarla, alludono ai preparativi della strage di via D'Amelio del '92. Prendono distanza dalla cronaca degli eventi, ma mettono in scena tre personaggi nella cui vita e nella cui personalità vediamo il mondo di chi è nato sotto la mafia ed è abituato a ragionare e ad agire secondo lo schema "ubbidisco o muoio, uccido o vengo ucciso".





Gasparo, Cosima e Fifetto sono i tre protagonisti e narratori di questa storia per nulla scontata e piena di colpi di scena per solo poco più di cento pagine. Gasparo è un malavitoso, ha iniziato con qualche furtarello ma poi è diventato sempre più prezioso per il suo boss e ora qualsiasi cosa gli dica di fare è costretto a farla e lui non si fa domande, esegue punto e basta. Non ha mai nascosto questo lato di lui alla moglire Cosima e la donna ha cercato di vederlo come un lavoro come tanti altri anche se spesso, rientrando a casa con vestiti perfettamente putili sentiva comunque l'odore del sangue, eppure non ha mai detto nulla. 
Negli ultimi tempi però qualcosa è cambiato perchè Cosima è incinta, non sa se avrà un maschietto o una femminuccia, ma manca molto poco alla data del parto e spera che questa possa essere la volta buona perchè tante gravidanze non sono andate bene e la donna è convita che sia colpa di Gasparo, lui che toglie vite in qualche modo la paga non potendo conoscere i suoi figli e infatti la donna vorrebbe che almeno fino a quando non nasca il bimbo, lui smettesse di fare questa vita, cosa ovviamente impossibile per lui. Non solo è costretto ad uccidere un caro amico, ma gli viene anche affidata una missione molto importante insieme a Fifetto, un ragazzo che deve ancora conoscere questo mondo ingiusto, e i due insieme devono rubare una centoventisei il cui scopo il lettore lo immagina, ma i due sono ben lontani dal saperlo e la notte del furto pare infinita e avrà risvolti talmente incredibili che sarà difficile arrivare vivi e quelli di sempre al mattino.
Sicuramente spiccano Gasparo e Cosima tra i personaggi: il primo è un uomo che non può uscire facilmente dalla mafia, qualcuno che esegue gli ordini e va avanti con la sua vita di sempre, Cosima invece è quella donna che gli sta accanto sempre e comunque anche se è convinta che il suo lavoro non le permetta di vedere nascere i suoi figli e questo non può che addolorarla molto ma la rende anche una donna imprevedibile.


Centoventisei è un romanzo di poco più di cento pagine e quindi è molto facile leggerlo in un attimo e ha sicuramente un forte impatto perchè ci parla di una coppia come tante che aspettano un figlio, ma che non sono come gli altri perchè lui è un killer della mafia e lei è una donna che sa del lavoro del marito ed è stanca di tutto questo, ma del resto è impossibile uscire dalla mafia una volta che si entra nel giro, se non ovviamente senza vita.
Le dinamiche della coppia però, che al principio possono sembrare la trama del romanzo, passano in secondo piano quando Gasparo viene incaricato di rubare, insieme a qualcuno di poco esperto di nome Fifetto, una centoventisei che pare di vitale importanza. Ovviamente per i personaggi all'interno della storia è impossibile conoscere la sua funzione, mentre invece facendo un paio di calcoli il lettore non può che pensare a come questo sia solo l'inizio di quella che sarà la strage che avverrà a luglio in Via D'Amelio e devo dire che i due autori sono stati bravissimi nel non essere diretti perchè sono riusciuti comunque a mettere i brividi al lettore.
Come vi dicevo, sono Gasparo e Cosima al principio a raccontare la storia, successivamente abbiamo anche il punto di vista di Fifetto e le vite di questi tre personaggi non possono che essere legate e i risvolti di un semplice furto, che poi è solo un punto di partenza per qualcosa di molto più grande, anche per gli stessi personaggi non può che essere un punto di svolta perchè quella sera la loro vita cambierà totalmente. Claudio Fava ed Ezio Abbate ci regalano una lettura breva e diretta, ma intensa e indimenticabile, proprio come è indimenticabile quella strage del luglio del 1992 e fa davvero pensare tanto sapere che sono passati già trent'anni da quel giorno in cui tutto è cambiato.

Review "Un vicino di casa molto speciale" di Ali McNamara

 


Titolo: Un vicino di casa molto speciale
Autore: Ali McNamara
Editore: Newton Compton
Genere: Romance
Data di uscita: 7 Giugno 2022



Ava è appena arrivata nella tranquilla località di Bluebell Wood, attratta dal silenzio dei boschi, dai ritmi pigri della campagna e soprattutto dalla possibilità di starsene da sola. La vita in città, che un tempo amava, non fa più per lei. E anche se una volta era una donna di successo, tutto quello che desidera adesso è godersi il suo piccolo cottage da fiaba, uscendo solo per passeggiare immersa nella natura o per curare il giardino in compagnia del suo cane, Merlin. Il suo passatempo preferito diventa dare qualche briciola agli uccellini che cantano, la mattina presto. E i suoi nuovi amici cominciano a lasciarle in cambio piccoli regali: inizialmente Ava non vi presta attenzione, ma giorno dopo giorno, i doni lasciati in giardino dagli uccellini sembrano assumere un significato sempre più profondo. Stanno cercando di comunicarle qualcosa?
Sarà l’incontro con Callum, il suo vicino di casa, a farle capire che forse il destino le sta regalando una seconda occasione per essere felice.


IL MIO VOTO

Ava è una donna di più di quarant'anni che si trova in un periodo particolare della sua vita: ha sempre vissuto a Londra e quindi in città, è sempre stata molto attiva sia per il suo lavoro che per quanto riguarda la sua vita sociale, ma da qualche tempo è cambiato qualcosa che non le permette di essere più la donna di un tempo, il suo appartamento in città è diventato un rifugio e quindi prende la decisione di allontanarsi da Londra per andare qualche tempo in un cottage a Blubell Wood, una luogo circondato dalla natura che promette di offrirle la quiete di cui ha bisogno. Insieme a lei andrà ovviamente il suo nuovo amico a quattro zampe Merlin: un cagnolino che ha preso per avere un incentivo ad uscire di casa, anche se fatica a prendersi cura di lui al principio perchè è passato molto tempo da quando aveva i suoi figli piccoli a casa di cui occuparsi, ora hanno entrambi una vita anche se sono pronti ad aiutarla in qualsiasi momento. Ava però si ambienta subito molto bene nel suo cottage, lo adora, così come conosce presto tutti gli uccellini che si aspettano cibo da lei come faceva la vecchia proprietaria di casa e quindi è costretta ad uscire dal suo rifugio e a conoscere nuove persone, parlarci e partecipare a qualche evento della cittadina, tutte cose che la spaventano ma che vuole fare per cercare di affrontare il suo trauma. Tra le tante persone che incontra ce ne è una in particolare che sembra essere sempre nel suo percorso, Callum, un uomo all'apparenza perfetto e anche il parroco di Bluebell Wood, che potrebbe riuscire a spingerla ancora più fuori dalla sua comfort zone e soprattutto a sfruttare la seconda occasione che le viene data.
Sebbene Ava sia una donna adulta con una storia molto particolare, è impossibile non sentirsi vicino a lei e non si può che adorare soprattutto per l'amore che da a Merlin e agli uccellini fuori casa, così come l'amore del lettore per Callum è instantaneo e sebbene appaia perfetta ai nostri occhi, anche lui ha un passato che non è rosa e fiori ma che ha saputo affrontare come ha potuto.



Ali McNamara è un'autrice a me molto cara, infatti ho ancora tra i miei libri preferiti di sempre uno dei suoi primi romanzi e devo dire che è da un po' che non riuscivo a leggerla, per cui è stato un vero piacere ritrovarla in questa ultima uscita che non è solo un romance, ma un romanzo con tanto tanto altro.
L'autrice affida la narrazione alla sua sua protagonista Ava, una donna che dalla City, dalla frenetica Londra, ha deciso di trasferirsi in un paesino di campagna per cercare di superare un trauma che ovviamente le rende difficile stare in compagnia di altre persone e per questo pensa che stare in un cottage in compagnia di Merlin, il cane che ha appena adottato, la possa aiutare. Del resto io vivo in campagna e posso dire di adorare la quiete e il silenzio che deriva da questa, ma allo stesso tempo vivo in un paesino piccolo e come Ava si accorgerà presto, è facile essere la novità e quindi essere conosciuta da tutti, cosa che non le andrà molto a genio. La crescita di Ava è qualcosa da seguire attentamente, è una donna di più di quarant'anni che deve gestire qualcosa di nuovo e non vi dirò nulla a riguardo, solo che ho adorato vederla affrontare il suo trauma e quindi avere una seconda occasione di vita, ma oltre a questo c'è anche una piccola parte misteriosa perchè vi ho detto che Ava sceglie questo cottage circondato dalla natura, quello che non vi ho detto è che la precedente proprietaria aveva tantissimi uccellini a cui dare da mangiare e Ava è pronta a sostituirla anche in questo, solo che al principio non tutto sembra andare secondo i piani così come ben presto gli uccellini sembrano portare ad Ava dei doni che al principio appaiono come cose inutili ma che si riveleranno essenziali sia per lei che per Bluebell Wood.
Ali McNamara si dimostra ancora una volta una narratrice esperta che non racconta solo una storia d'amore ma una storia di seconde occasioni, caratterizzata dalla natura e dalla scoperta di tante cose che non posso che cambiare quello che si pensava di sapere, insomma una lettura che permette di immergersi in toto in una cittadina lontana dalla città e di apprezzare un po' di pace dalla nostra vita frenetica, una storia certamente originale e da scoprire!