martedì 16 ottobre 2018

Review Party:"La regina del Nord" di Rebecca Ross

Buon giorno bookspediani.
Iniziamo carichi la giornata, che dite?
Oggi esce una vera e proprio meraviglia, parlo di un fantasy molto particolare ossia "La regina del Nord" di Rebecca Ross.


Titolo: La regina del Nord
Autore: Rebecca Ross
EditorePiemme
Genere: Fantasy
Data di uscita: 16 Ottobre 2018



Così ci prepariamo alla guerra.
Non con la spada o con lo scudo, né con l'armatura.
Siamo pronte perché siamo sorelle in arme, perché il nostro legame è più profondo del sangue.
E risorgeremo per le regine del passato, e per quelle che ancora devono venire.


Regno di Valenia, 1566.
Sono passati sette anni dall'arrivo di Brianna nella prestigiosa Magnalia, la scuola per giovani prescelte che ambiscono a perfezionare la propria vocazione ed essere adottate da un patrono. Brianna però è l'unica allieva a non aver mai mostrato doti particolari e, se non fosse stato per l'enigmatico maestro Cartier, non avrebbe trovato la sua vocazione tra Arte, Musica, Teatro, Eloquenza e Sapienza. Ma alla cerimonia finale, il peggior timore della ragazza diventa realtà, e Brianna rimane l'unica senza un patrono. Ancora non sa che dietro allo spiacevole imprevisto si cela la sua più grande fortuna. Lo scoprirà solo quando un misterioso nobile - troppo esperto con la spada per essere un semplice protettore - la sceglierà. Brianna si troverà allora dentro un vortice di intrighi e piani segreti per rovesciare il re e ripristinare sul trono l'antica legittima monarchia, tutta femminile.
Perché ci fu un tempo in cui sul Nord regnavano le regine. Ed è ora che quel tempo ritorni.



IL MIO VOTO 
 




The Queen's Rising by Rebecca Ross aestheticNel Regno di Valenia c'è una bambina che ha la necessità di nascondersi: dopo la morte della madre è stata affidata alle cure del nonno, il quale sembra terrorizzato all'idea che il padre la possa trovare e di conseguenza non può che nasconderla dove nessuno mai la andrà a cercare: alla prestigiosa scuola di Magnalia, dove la Gran Dama si occupa di aiutare le giovani ragazze che decide di far entrare a trovare la vocazione tra le cinque materie a disposizioni:  Arte, Musica, Teatro, Eloquenza e Sapienza.
Brianna decide di portare come sua vocazione l'Arte, ma è ovvio fin da subito che non è portata per la materia e il suo ingresso a Magnalia è dovuto solo perchè è in pericolo.
Durante gli anni che passa a scuola Brianna cambia continuamente vocazione, nella speranza di trovare quella che più le si addice e mentre le altre cinque ragazze seguono il loro percorso e studiano la materia per sette anni continuativi, la ragazza decide di tentare l'impossibile e passare a Sapienza, avendo a disposizione solo tre anni per padroneggiarla e trovare un patrono. E il maestro Cartier, colui che si occupa di Sapienza, accetta volentieri la sfida di farle apprendere tutto in così poco tempo.


BiancaneveMentre le lezioni continuano, il giorno tanto temuto da Brianna si avvicina: al suo diciassettesimo solstizio ci sarà la prova finale e la ragazza teme di restare senza un patrono perchè non ha abbastanza fiducia nelle sue possibilità.
Ma c'è una persona forte abbastanza per spronarla e per credere in lei per entrambi: il maestro Cartier, l'unico ha dimostrato di tenere sinceramente a lei senza mai andare oltre il loro rapporto, visto che una relazione tra di loro è impossibile.
Brianna però durante la sua prova finale è in totale confusione perchè non vuole che l'altra ragazza di Sapienza sia penalizzata per colpa sua e così, anteponendo gli interessi degli altri ai suoi, il suo peggiore incubo diventa realtà: si ritrova senza un patrono.
La Gran Dama però si offre di ospitarla per qualche mese ancora Magnalia, nella speranza che anche lei possa trovare la sua strada che ora si trova ad un bivio: aspettare di trovare il giusto patrono oppure agire subito e venire adottata da un misterioso nobile e aiutarlo a cambiare il mondo: riportare il trono a chi appartiene, ad una regina.


If You're Sassy And You Know It, Clap Your Hands                                                                                                                                                     MoreLa regina del Nord è il primo capitolo firmato da Rebecca Ross che apre le porte ad una trilogia che è appena all'inizio e ha ancora tanto da dire. Sicuramente la prima cosa che salta all'occhio è la copertina magnifica con cui il libro si presenta e sinceramente ammetto di preferire questa versione a quella originale, ma fidatevi quando vi dico che non è solo la parte grafica a fare colpo, ma anche il suo contenuto.
La storia è ambientata nel passato, più precisamente nel 1566 in un mondo immaginario, il Regno di Valenia, un luogo in cui ora è un re a decidere le sorti dei suoi sudditi.
Ma non è sempre stato così: un tempo erano le donne ad essere incoronate regine e a governare con giustizia e secondo principi giusti, senza esercitare nessuna tirannia o un regno del terrore. Queste donne erano potenti non perchè temute, ma perchè amate e perchè possedeva qualcosa che nessun altro aveva: la magia.
Ma quando questa è stata strappata ai suoi leggittimi proprietari, tutto è cambiato e vane sono stati i tentativi di ribellione. Ora è tempo di passare direttamente all'azione e Brianna si troverà proprio al centro di questi intrighi non solo per il suo desiderio di ripristinare la legittima erede al trono, ma perchè è molto più preziosa di quello che crede.


PetricorE' senza ombra di dubbio lei il personaggio più importante della storia e la vera eroina.
Brianna fin da piccola ha lottato per definire se stessa: nata da una madre valeniana e un padre a lei sconosciuto di un altro regno, non riesce a capire se è carne o pesce e soprattutto non ha nessuno che la aiuti a capire la strada da prendere. L'unica persona che le è rimasta della famiglia è il nonno, il quale cerca in tutti i modi di proteggerla facendola inserire nella prestigiosa scuola di Magnalia, dove Brianna resta per sette anni e dove prova ad eccellere in almeno una delle cinque materie.
Lì Brianna non è sola, è circondata dalle altre cinque ragazze della scuola, ognuna di loro però ha ben chiara la sua vocazione e quindi per quanto possano consolarla, non riescono a comprenderla fino in fondo.
Si rivela essere un amico inaspettato il maestro Cartier, l'unico che tenta di aiutare Brianna nei suoi momenti di sconforto e che la sprona a dare il meglio di sè.
Brianna è forte e determinata e nonostante a volte dubiti di se stessa, ha il cuore più puro di tutti ed è disposta a tutto pur di salvare il regno.


Nessuna via d'uscita: il buio, o uno squarcio di luce.Rebecca Ross traccia il proprio percorso e si differenzia dagli altri fantasy ambientando la sua storia nel passato, dove ci sono regole ferree da seguire e dove il più piccolo errore potrebbe costare caro.
Lo stesso linguaggio che utilizza, per quanto semplice, rispecchia la storia e fa catapultare il lettore in una nuova dimensione, dove la magia esiste ma è davvero minima e in questa prima avventura è appena accennata.
Oltre a Brianna e la scelta dell'ambientazione, un altro punto di forza  è la voglia di giustizia che emerge pagina dopo pagina, di ripristinare tutto nel giusto ordine e di rimettere sul trono chi ne è davvero degno.
In un panorama letterario pieno zeppo di uscite, l'autrice è riuscita a ritagliarsi il suo spazio per la creazione di una storia che non solo intrattiene e che regala qualche batticuore grazie alla presenza, seppur marginale, di una storia d'amore che accontenta anche gli animi più romantici, ma che riesce a far penetrare nel lettore quel senso di giustizia che fa capire che nulla è mai definitivo, fino a quando si avrà voglia di cambiamento, questo potrà verificarsi.


Ammetto di essere andata avanti con la lettura in punta di piedi perchè ogni volta che ho aspettative molto alte, in qualche modo vengono deluse ma questa volta sono felice di notare che la direzione presa dalla Ross è veramente originale e diversa da tante altre letture fantasy.
La regina del Nord si compone da poco meno di quattrocento pagine ma vi assicuro che sono volate in poche ore grazie ai continui intrighi, misteri e colpi di scena che l'autrice ha preparato molo bene.
Sebbene sia Brianna a spiccare di più come protagonista, non è solo lei a popolare questa storia: tantissimi personaggi vengono introdotti e di molti sappiamo solo qualche accenno della loro vita e per alcuni sono curiosissima di sapere di più, ma sicuramente la Ross mi accontenterà nel prossimo capitolo.
Le avventure di Brianna non sono terminate qui, anzi sono solo all'inizio e scommetto che c'è ancora tanto da fare nel Regno del Nord e io sono pronta a tornare presto a Valenia.



Passate dalle altre ragazze, mi raccomando.



si ringrazie la casa editrice 
per la copia omaggio









1 commento:

  1. L’ho amato davvero tanto dall’inizio alla fine, una vera meraviglia librosa sono d’accordo!

    RispondiElimina